Vecino migliore in campo

Kalinic, ancora lui

Con due giorni di ritardo dovuto ad impegni extra calcistici e anche a la scelta di far decantare al meglio la sconfitta con la Roma ecco quelli che sono stati per me i migliori della Fiorentina.

Oro: Vecino

Medaglia di OroVero è proprio dominatore del nostro centrocampo, ottimo nelle chiusure, gran macinatore di palloni, organizza, imposta, tira, lotta, alla fine va a fare il centrale difensivo. E’ poco più che ventenne ma ha dato una lezione di vero calcio, di vero centrocampista a gran parte dei suoi compagni di squadra. Ora deve cominciare a fare qualche gol, visto che l’unico che tira da fuori area.

Argento: Astori

Medaglia di ArgentoSoffre la velocità di Gervinho e una sbavatura in difesa poteva costar caro, però ha giocato più che bene, per di più in una partita in cui la Roma ha giocato solo in contropiede. Non ha mezzi fisici impressionanti ma ha il cervello per giocare a calcio. Si sta piano, piano rivelando il vero leader della nostra difesa, pecacto non vederlo utilizzato in una normalissima difesa a quattro.

Bronzo: Bernardeschi

Medaglia di BronzoQualcuno mi ha detto “Bernardeschi il migliore in campo”. No, non può essere stato il migliore perché è stato leggero sull’azione del primo gol della Roma ed ha fallito una bella occasione per il 2-1 quando ancora mancavano oltre dieci minuti. Però Bernardeschi ha dimostrato una volta di più di aver voglia di lottare e soffrire per la Fiorentina, di non aver paura di fare a spallate, di prendere e dare pedate. Lui ventenne ed Italiano dai mezzi tecnici non esuberanti ha messo in campo una cattiveria agonistica imparagonabile rispetto a calciatori più anziani, stranieri, tecnicamente più evoluti. Vogliamo questi giocatori qui, basta stranieri raffinati e delicati che alla prima pedata si rintanano.

Un breve commento anche sugli altri perché sono stato allo stadio e la partita l’ho vista in una posizione privilegiata.

Kalinic

Regge l’attacco da solo, senza nessun contributo da parte di Ilicic, con quello scarso di Borja Valero. Ha due grosse occasioni e le sbaglia, ne ha un’altra di testa e la risbaglia, ma questo ragazzo è un bellissimo acquisto che piano, piano ripagherà la fiducia nostra e di Sousa. Sarebbe il caso di farlo giocare accanto ad un’altra punta vera, sia Rossi o Babacar.

Badelj e Roncaglia

La loro prestazione è macchiata dalla cappellata che hanno fatto nell’occasione del gol di Gervinho che ha potuto far dichiarare agli espertoni del calcio che sono giocatori che hanno amnesie. Si, le hanno, le hanno come tanti altri, non le avessero non giocherebbero nella Fiorentina. La squadra tutta, e l’allentaore, dovrebbero metterli in grado di superarle senza gravare sul risultato. Tolte le amnesie entrambi hanno giocato bene.

Kuba e Gonzalo

Li metto insieme perché entrambi hanno giocato bene e senza amnesie, precisi, puntuali, hanno fatto quello che potevano fare nei rispettivi ruoli, senza sbavature per Gonzalo, con la consueta presenza sulla fascia per Kuba. La persona che sedeva accanto ha me ha urlato tantissime volte “dalla a Kuba!” perché Kuba era sempre solo sulla fascia e nessuno lo considerava.

Borja Valero

Togliamoci dalla testa che sia lui l’uomo simbolo di questa squadra. E’ un buon giocatore con i piedi, ha velocità, tocco di palla, intelligenza. Manca totalmente del tiro in porta e ha una gran paura di prendere le pedate. Da usare nelle partite con le medio piccole dove fa venir fuori la diffrenza, da sostituire con una punta o uno di corsa e di grinta con le squadre più forti, quelle dove vale il Trapattoniano: primo non prenderle.

Ilicic

Scelto da Montella per fare gli assist a Gomez non vedo l’ora che prenda la stessa via di Gomez, la via della seta. Via da Firenze! Vero, disperato, irrisolvibile nodo di questi tre anni di Fiorentina. Qualcuno mi ha detto che Ilicic ha il colpo, io non ricordo colpi, ricordo una sfilza incredibile di occasioni sbagliate, di palloni persi, di atteggiamenti ostili con i tifosi e superficiali in campo. Gli unici colpi sono quelli di fine stagione, quando le partite con contano più niente e vengono fuori i giocatori inutili, lui come Cerci. Con la Roma gioca senza obblighi difensivi, con lo stantuffo Kuba dalla sua parte che non riesce mai a servire, con Kalinic che taglia da tutte le parti che non riesce mai a servire, con Borja accanto con cui mai dialoga. Tutto quello che sa fare Ilicic lo saprei fare anche io: tocchi di prima in alleggerimento e se si prova a stoppare un pallone è così lento che al secondo tocco è già triplicato. Con la Roma riesce a liberarsi al tiro una sola volta mettendola fuori, batte una punizione di seconda e sulla palla arriva prima la barriera di lui. Da quanto è lento è sempre dalla parte sbagliata del pallone: avanti quando difendiamo, indietro quando attacchiamo. Ilicic inutile e deleterio. BASTA ILICIC!

Tatarusanu

Incolpevolissimo sul gol, ci salva dal terzo e ci tiene in partita.

Due parole veloci su Mister Sousa: occhio mister, il calcio è nato tanto tempo fa e non puoi pensare di reinventarlo. Mi sei piaciuto all’inizio perché giocavi umile, continua su quella strada. Basta mezze punte in campo, vogliamo sempre due punte, quattro centrocampisti, quattro difensori. La Roma ha Firenze giocava 4-1-4-1 copertissima e via in contropiede.

3 Commenti

  1. Quando si perde partite importanti c’è la tentazione di scrivere anche delle sentenze, oltre che delle pagelle e da queste sembra che il problema della Fiorentina sia Ilicic e Borja Valero, in contraddizione anche con quello che dice il nostro attuale medagliere. Il problema putroppo sta sulla qualità (ed in alcuni casi quantità in termini di ricambi) in alcuni reparti/zone del campo. Oggi sappiamo che manca proprio un sostituo di GOnzalo (lo scorso anno poteva farlo Basanta, quest’anno si è trovato a farlo Tomovic), manca qualità/giocatore come difensore laterale destro (Roncaglia dobbiamo ormai prenderlo per quello che è… grande fino alla prossima michiata), manca un sostituto di Kuba, manca uno che sulla fascia crei superiorità. Ilicic è stato determinante in certe( realtà poche) partite, è indisponente in altre (ma sappiamo anche che ha buoni sostituti… quindi), Borja è un giocatore di alto livello, che prende le pedate con le piccole come con le grandi… però non possiamo ogni volta dire che stiamo con una bella ragazza, per poi dire che è bruttina quando magari incontriamo la Bellucci.

  2. Purtoppo Ilicic mi ha illuso con 3 partite su 8 di quest’anno. Non l’avrei preso, l’avrei venduto il primo, secondo, terzo anno. Lo venderei ora senza se e senza ma. Ilicic è brutto e basta.

    Per Borja mi accontento… a volte mi sembra bello, a volte brutto, tutte le volte che gioca contro Naingolan gira largo…

    Però chi s’accontenta gode. Gode poco e si accontenta delle brutte… così come si accontenta di una squadra che ha al suo interno tanti giocatori belli da vedere che quando la partita conta spariscono.

    Io non mi accontento… ma sono certo che a Firenze in tanti l’anno scorso si sono accontentati di vincere la prima con la Juve e di prendere tre pappe alla seconda. Perché non conta vincere ma vedere la finta e la controfinta…

  3. Beh, per rimanere nella metafora (intanto non è vero che chi sta con le brutte non gode, Casanova docet) bisogna anche dire che a volte chi disprezza troppo in realtà nasconde la paura di provarci e di beccarsi una delusione.

    Comunque nel giudicare i calciatori io faccio prevalere il giudizio sulla capacità di riuscire a mettere il loro talento al servizio della squadra: ognuno, con le proprie qualità, può farlo se ci mette intelligenza e volontà.
    Solo dopo aver fatto questa valutazione comincio a misurare la qualità assoluta del giocatore.
    Comunque ogni partita io cerco (non è sempre facile) di ripartire da zero, perchè la valutazione del giocatore non spetta a me (spettatore, tifoso, critico) ma all’allenatore che lo mette in campo: se sbaglia giudicherò lui.

    Ecco perchè non metterò mai nella stessa categoria Borja Valero e Ilicic.
    Uno mette tutto quello che ha al servizio della squadra, non è cattivo, ma cerca di compensare con la corsa, si tratta solo di trovargli la posizione in campo (non troppo vicino alle 2 porte, di solito).
    L’altro non è in grado di mettere il suo enorme talento tecnico al servizio della squadra e della partita: corre poco (e già parte male), sa fare tutto ma sbaglia le scelte (la tiene e la gioca di prima a casaccio), tranne qualche eccezione.

    Infine vorrei proprio sapere chi sono quelli che si sono accontentati di prendere 3 pappine: vorrei proprio conoscerli!
    Secondo me invece spesso tra i tifosi c’è chi è realista e chi si illude che si possa giocare a calcio con le chiacchere da bar: vincere è difficile e per farlo ci vogliono giocatori BUONI e allenatori che non fanno danni.
    Con gli allenatori ultimamente ce la caviamo bene, ma se i giocatori sono quelli devono mettere quelli: se sono uova da finte e controfinta, la frittata verrà così (cit. Paulo Sousa)

    Gattaccio Viola

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.