Liberazione

La Fiorentina prende tre punti a Lecce fondamentali in chiave salvezza. Tre punti che rappresentano una vera liberazione da dubbi e pensieri che in questo periodo stavano cozzando con la voglia di preparare la prossima stagione. Finalmente una liberazione anche riguardo il modo con cui si è arrivati alla vittoria. Ovvero con una prestazione convincente, giocando, costruendo, segnando nel primo tempo. Cercando di contenere con possesso palla nel secondo. Ed in entrambi le fasi è stato importante il lavoro svolto dal centrocampo e dalle punte. Sia in fase di pressing. Sia nel palleggio, con la ricerca della profondità e con Ribery cerniera di qualità per ogni transizione viola. La partita di stasera non lasciava per niente tranquilli, perché il Lecce aveva fatto molto bene con la Lazio e aveva messo alle corde un Cagliari con cui noi abbiamo sofferto molto. Nel calcio ovviamente non ci sono valori assoluti e quindi la buona prestazione dei viola potrebbe essere stata favorita anche da un Lecce non in palla. A partire dal primo gol, con una palla regalata a Cutrone a limite dell’area di rigore. Però le giocate vanno fatte e soprattutto vanno concretizzate. La Fiorentina stasera c’è riuscita bene e anche con i calciatori che da tempo stiamo attendendo: Chiesa, Cutrone e direi lo stesso Ghezzal, oggetto un po’ misterioso ancora, ma che inizia a dare qualche segnale interessante. Personalmente non ho mai dubitato delle qualità di Chiesa, mentre accolgo con piacere il terzo gol consecutivo di Cutrone. Su questo ragazzo converrà fare delle riflessioni serie. Altro elemento positivo è che la Fiorentina ha concesso poco, anche se a mio parere qualche leggerezza dietro l’abbiamo commessa. Leggerezze che specialmente in certi momenti della gara possono ridare vita ad un avversario alle corde. Per esempio la sciocchezza che stava facendo Caceres alla fine del primo tempo. E comunque stasera per me la nota stonata non è tanto il gol subito a due minuti dalla fine, quanto le numerosi opportunità in contropiede, giocate con importante presenza numerica a ridosso dell’area avversaria, ma sprecate per la scelta sbagliata nella rifinitura. Su questo la Fiorentina deve migliorare molto, in lucidità, in precisione, in cattiveria.

Giusto per essere scaramantici, adesso siamo ai famosi 39 punti, a cui lo scorso anno siamo stati ancorati per settimane e settimane. Prima di cambiare registro anche nelle aspettative e negli obiettivi, vorrei che tutti fossero concentranti nel fare l’ultimo passettino, che ci possa proiettare finalmente nel nuovo campionato.

1 Commento

  1. Questa partita non l’ho vista proprio. SOno contento per il 3-1 ma dall’altra parte giocavano Babacar e Saponara.
    Servirà molta lucidita a Perdé per decidere il prossimo allenatore dato che lui è stato confermato come direttore sportivo. Basta che non ci porti Spalletti.

    La prossima potrebbe essere l’ultima partita dell’anno perché siamo quasi salvi. Sono curioso di vedere se Iachini è in grado di tenere i ragazzi sulla corda almeno fino al risultato raggiunto, poi sarà uno sciogliete le righe e le partite saranno tutte del tipo adatto a Cerci.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.