Policy comportamentale del perfetto tifoso

GianniniStiamo leggendo in questi giorni di post-Milan una serie di dichiarazioni che stanno avendo un grande rilievo mediatico, tutti imperniati sul tema del comportamento dei tifosi da stadio.
I tag più ricorrenti sono “Firenze incivile“, “intolleranza“, “razzismo“, “tribuna-daspo“, “curva-multa“, eccetera.

tifoSui forum dei tifosi arrivano le risposte, spesso piccate, si aprono discussioni infinite e capziose su quanto sia meglio un “figlio di” piuttosto di un “bu-bu“, si somministrano sondaggi per stabilire se il tifoso medio offenda Balotelli perchè: 1)è negro; 2)è un bischero arrogante; 3)non so, ma mi piace.

Personalmente amo tifare per la Viola, allo stadio mi piace sbraitare, incitando i “miei” e ironMagliaRygbyEireizzando sugli avversari (difficilmente l’ironia è offensiva) e in quei casi lascio libera la fantasia.
Poi, ogni tanto, mi inc… mi arrabbio, difficilmente con gli “altri”, più facilmente con gli arbitri, e allora offendo.
Però, ed è questo che non capisco, in quei momenti non “ho bisogno” della fantasia, non ho bisogno di ricercare termini o parole variegate, originali o prese in prestito dalla storia, dall’etnia o dagli orientamenti religiosi o sessuali:
con “vaffa…..o” e “stro…o” me la cavo egregiamente in ogni occasione, al massimo posso condire con qualche bestemmia intercalante.

E nessuno mi ha mai accusato di razzismo, nè di apologia di alcun reato.
Chi mi sente di solito pensa (o dice) solo che sono un gran maleducato.
E mi basta.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.