Siamo così…

StriscioniNoi fiorentini siamo fatti così… potrei scommettere qualsiasi cosa che se Diamanti avesse fatto il primo tempo penoso di Ilicic a Udine (cosa che fra l’altro aveva fatto purtroppo nelle ultime apparizioni, fino alla disastrosa partita di Roma con la Lazio) e poi gli assist dei due gol, sarebbe schizzato in testa a tutti i medaglieri, le pagelle e le lodi dei tifosi. Adesso è (ancora per un po’) il momento di Diamanti, come lo è stato (ma ora molto meno) di Borja, come non lo è mai stato di Mati, anche se in questo periodo spesso tira la carretta… e sicuramente non lo è ancora di Ilicic. E forse non lo sarà mai e magari anche per colpa sua. Da questo vortice c’è passato Vargas, Ljiaic, va e viene Pasqual, c’è finito a fase alterne Alonso, c’era sprofondato Badelj fino a gennaio… per poi trovarselo perno fisso del centrocampo e quasi idolo dei tifosi, senza parlare di Viviano prima e Neto poi.

La (mia) verità è che la Fiorentina ha la grandissima fortuna di avere un allenatore molto preparato e soprattutto una persona dall’equilibrio veramente invidiabile ed è per questo che secondo me Montella è destinato a diventare davvero un top mister. Non so quanto rimarrà ancora a Firenze: però è innegabile che, pur con i suoi errori, con le sue idee per definizione discutibili, ha iniziato un vero progetto tecnico, organizzativo, comportamentale che sta portando avanti in modo impeccabile. E tutto lo staff tecnico fa parte di questo progetto ed i giocatori che non sono ritenuti idonei, rimangono ai margini e spesso escono. A partire dal caos di Moena del 2012, Montella ha completamente azzerato tutto ed ha iniziato a fare le sue valutazioni sulla base di quello che vede durante la settimana e che (per fortuna) nessun tifoso e giornalista può vedere. Perché comunque il tifoso ed il giornalista giudicheranno solo ed esclusivamente il risultato finale. Quello che io dico, quindi, è che un allenatore come Montella può sbagliare una formazione, ma oggi, dopo quasi tre anni, dico che Montella difficilmente ha sbagliato e può sbagliare la gestione del gruppo, la promozione o un momentaneo fermo ai calciatori del suo progetto tecnico. Ed è davvero difficile per me pensare che adesso Diamanti, fortemente voluto da Montella, stia in panchina perché occorre ricordare ai tifosi come è scarso Ilicic. E nonostante ritenga Kurtic un giocatore non all’altezza per questa Fiorentina, alla fine penso che Aquilani in questo momento non sia nella condizione giusta per partire titolare al suo posto. Detto in altre parole, chi gioca può far bene, può far male, ma non gioca per caso. Io non so come andrà a finire questa stagione della Fiorentina e quindi, in qualche modo, quali saranno le sorti di Montella: ho la sensazione però che da tre anni a questa parte c’è una crescita continua del gruppo tecnico, della consapevolezza di squadra, del senso di appartenenza ad un progetto. Questo purtroppo non è sufficiente per poter vincere tutte le partite e poter alzare un trofeo. Come tifoso però mi sento bene dentro questo progetto targato Montella. Per questo motivo non vorrei, per il gusto di dover sempre trovare per forza capri espiatori di un pareggio, di una battuta d’arresto, magari di un obiettivo non raggiunto, ritrovarmi a breve a vedere in campo i Munari, gli Olivera e Kharja ed apprezzare le gesta di un grande Behrami. Ma tutto questo probabilmente non è nello spirito globale di noi tifosi fiorentini, ci piace non essere scontati… a volte è difficile spiegare, ma siamo così… un po’ complicati, spesso incavolati e comunque sempre pronti, quando è il momento, a dire si alla nostra viola.

1 Commento

  1. Che spettacolo che sei Davide! Una capacità di analisi e di sintesi pazzesca.

    Condivido pienamente.
    Proprio per questo pareggiare una partita come Udine dopo tre anni di “crescita continua del gruppo tecnico, della consapevolezza di squadra, del senso di appartenenza ad un progetto” mi ha fatto proprio entrare in eclissi…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.