Se fosse una B3…

Podio B3 per la Fiorentina

La partita contro l’Inter vede sul podio la B3: Berna, Baba e Borja.

Oro: Bernardeschi

Medaglia di OroIl ragazzo di Carrara sta lentamente scalando le gerarchie sia in campo, sia nei cuori della gente. Anche contro l’Inter si è dimostrato il migliore, in certe situazioni assomigliando per davvero al leader che tanto ci manca. Le azioni pericolose del primo tempo sono arrivate sempre per sue intuizioni e nel secondo tempo è stato lui a farsi fare il fallo giusto da Telles. Per qualcuno assomiglia a Cruijff, per me a Kempes, di sicuro diventerà ancora più forte quando Sousa comincierà a farlo giocare da vero 10.

Argento: Babacar

Medaglia di ArgentoDieci minuti di partita e un gol. E che gol! Tre punti di carambola. Dobbiamo avere fiducia in questo ragazzo che in mezzo all’area ci sa stare, che ha il fiuto (o il culo) del gol, che deve maturare avendo tutto l’appoggio del pubblico e della società. Perché non provarlo più spesso accanto a Kalinic?

Bronzo: Borja Valero

Medaglia di BronzoCome sempre Borja ha giocato tanto, nel senso che è stato molto dentro alla partita, correndo, facendosi sempre trovare pronto per l’appoggio, inserendosi, ecc. ecc. In occasione del gol dell’Inter era fuori posizione però si è rifatto con un gran gol di testa. In parte Balla, in parte Borja, rappresenta sicuramente una colonna per questa squadra.

Zarate

E’ da una sua intuizione che nasce il gol di Babacar e non è da tutti fare certi numeri in area di rigore sebbene contro la difesa dell’Inter. In tre partite ci ha fatto vedere quanto è decisivo. Sarà un rapporto gioia e dolori ma finalmente a Firenze abbiamo un giocatore un pochino testina di c., di quelli che per vincere le inventano di tutti i colori. Adesso, visto che ha 28 anni, dovrebbe capire che è tempo di mettere da parte le uscite di testa e concentrarsi solo con le uscite di piede.

Tello

Buono il suo inizio e buona la sua velocità, ma ad un certo punto della partita gli arriva un intervento da un mastino dell’Inter, non visto dall’arbitro, e a quel punto la partita di Tello diventa più anonima. Rimaniamo fiduciosi.

Roncaglia

Una parola aggiuntiva la vorrei spendere per Roncaglia che ha giocato molto roccioso e senza sbavature. E’ lui il nostro mastino ed è lui che ha fatto una bella entrata dura su Eder che a quel punto ha visto bene di ronzare più a largo.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.