Come Mati all’improvviso!

Mati all'improvviso

La partita di Bergamo ci ha consegnato tre punti favolosi per la classifica e il morale anche se contro una squadra in leggero calo. Una squadra che potrebbe aver già avuto tutto dal campionato contro di noi che invece non abbiamo avuto ancora niente e che ci troviamo nell’ultima e più importante fase della stagione ancora pieni di aspettative. Le tanto bistrattate riserve hanno colpito, d’ora in avanti ci sarà molto bisogno di loro, cioè di tutti.

Oro: Tello

Medaglia di OroL’oro va a Tello perché ci ha messo un grande impegno per tutta la partita e perché si è dimostrato l’uomo più pericoloso della Fiorentina, oltre a fare l’assist a Mati e il gol della sicurezza anche se con molta fortuna. Fortuna che ripaga gli sforzi dei nostri uomini mercato. Il difficile arriverà ora ma si spera che arrivi anche una bella iniezione di fiducia al ragazzo.

Argento: Mati Finta Fernandez

Medaglia di ArgentoMati conferma che Bergamo è un campo che gli porta bene perché, dopo una partita trascinata, così come trascina le gambe, s’inventa il gol che sblocca la partita senza sapere come e meravigliandosi lui stesso. Poi inventa anche l’assist per Tello. La fortuna aiuta gli audaci ma non capiamo se l’audace sia lui o Sousa. Mettiamo in saccoccia i tre punti arrivati grazie a lui e confidiamo che Sousa non azzardi oltre.

Bronzo: Kalinic

Medaglia di BronzoHa giocato poco ma ha rivoltato la partita perché con lui e Borja è stata un’altra Fiorentina in campo. Ottimo il suo gol che ci ha ridato sicurezza dopo che Conti aveva accorciato le distanze e ci ha permesso di giocare in scioltezza gli ultimi minuti. Sousa gli dovrebbe trovare il partner giusto, una punta vera con cui e a cui creare spazio, oppure avvicinargli Bernardeschi che sarebbe un’ottima seconda punta.

Roncaglia

Attivo, reattivo, pronto, concentrato e duro. Dalla sua parte non è successo niente e spesso ci transitava anche il Papu Gomez. Che si vuole di più da un difensore? I piedi buoni, si dirà, ma Facundo non ce l’ha e l’errore sul calcio d’angolo da cui è nato il gol di Conti fa parte del suo DNA. Lascerà Firenze e ancora saremo a discutere di questo suo difetto.

Babacar

Purtoppo è l’opposto di Kalinic e bisogna riconoscere che non ha giocato bene.

Pasqual

Tra lui ed Alonso si nota sempre di più una grande differenza però si impegna e conferma che può essere un’ottima riserva per le partite meno importanti.

Astori

Siamo contenti che faccia la cappellata alla fine della partita in una situazione ormai chiusa.

E adesso mettiamoci ad aspettare la partita di giovedì con la consapevolezza di avere in campo almeno 6 titolari riposati e la speranza che non giochi Ilicic.

2 Commenti

    • Eheh tutto sommato mati ha fatto il suo, certo ha stentato tutto il primo tempo ma il campo era bruttarello e per chi fa dei piedi fini la propria specialità certo non erano rose e fiori. I bergamaschi non hanno lesinato di far legna e il primo tempo è stato il tipico stentare della viola di fine periodo montelliano con(ancor) meno palleggio veloce.
      Mati dopo il gol (ma soprattutto non appena l’architetto è entrato in campo) ha preso coraggio e ha fatto vedere il suo (bel) repertorio… Continuo a dirlo, non è certo Donadoni (dribbling fantasia e intelligenza) ma non è affatto male come aiuto a uncentrocampo di palleggio, perde pochissime palle e ha tocchi (a volte) deliziosi , vedasi assist al bacio e punizioni/angoli tirati veramente bene.
      A me tutto sommato piace nonostante limiti fisici e mentali (che simone non perdona).
      Ora godiamoci questa striscia (come direbbe lapo) di 3 match e vediamo come ne usciamo…:-)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.