Mezzo bicchiere

Ho visto solo pochi spezzoni di partita, quindi mi focalizzo più sul significato del risultato, che sulla prestazione. E’ chiaro che oggi era una ghiotta occasione per prendersi il settimo posto in solitaria, visto i risultati di tutte le concorrenti (e non solo). Però penso valga la pena porsi la questione del mezzo bicchiere: dicembre è un mese duro per tutti, in particolare per chi ha le coppe e questa settimana anche la Fiorentina ha giocato la sua coppa in un turno anche impegnativo e (a parte poche eccezioni) Pioli l’ha giocato con i fedelissimi, che ormai da un paio di mesi le stanno giocando tutte. E allora, alla fine di questa giornata, penso sia giusto guardare il bicchiero mezzo pieno: abbiamo recuperato un punto sul settimo (e sul sesto posto), il Milan ha fatto una figuraccia a Verona, la Samp ha perso in casa con il Sassuolo, Atalanta e Lazio hanno tirato fuori una gara entusiasmante, dimostrando comunque di avere in questo momento tante debolezze, quante certezze. E la Lazio, nonostante abbia tentanto in queste giornate di esorcizzare un netto calo di prestazioni con le polemiche sulla VAR, forse è proprio la via di mezzo fra le top four ed il gruppo della Europa League, a cui appartengono a pieno titolo i viola, con la speranza magari di risucchiarla alla fine dell’inverno, quando ci saranno di nuovo le coppe.

E la Fiorentina? Il Genoa è partito a mille, ingabbiando sicuramente la Fiorentina, che aveva nelle gambe anche i 90 minuti della Samp. Poi piano piano è venuta fuori la squadra di Pioli; abbiamo buttato il primo tempo, ma nella ripresa ho contato 4/5 azioni veramente pericolose dei viola: è mancata un po’ di precisione, un po’ di cattiveria, ma non mi è sembrata una squadra spenta. Pioli ha parlato addirittura di una prova di maturità, forse perché alla fine ha creato senza mai rischiare dietro… e zero reti subite nelle ultime 3 gare è un bel segnale. Insomma anche il bicchiere di Pioli sembra mezzo pieno. Ora però dovrebbe trovare il modo di inserire in questo suo progetto anche altri attori, perché il campionato è lungo e c’è bisogno anche di risorse fresche.

2 Commenti

  1. Io la partita l’ho vista quasi tutta, mi sono perso solo i cinque minuti in cui abbiamo avuto l’occasione più grossa, quella capitata sui piedi del centravanti con fondamentali da serie C, che ha concluso esattamente come Biraghi.

    Visto il risultato e visto il gioco per me il bicchiere è mezzo vuoto e quello che esce peggio di tutti è Pioli, che ha continuato a proporre Thereau (che mi piace) e Simeone (che non mi piace), come coppia d’attacco seppure già da qualche giornata avevano iniziato a dimostrare un rendimento molto peggiore rispetto all’inizio.

    Poi non ho capito l’ingresso di Eysseric che è peggio di Cerci e su cui non investirei più un minuto.

    Inoltre, sopratutto nei momenti in cui la partita deve essere vinta, non capisco perché Chiesa venga dirottatato sulla fascia, fuori dal gioco, invece che più vicino alla porta. Perché tanto se c’è un giocatore che ha il guizzo è solo lui.

  2. Come detto, ho visto poco e non sono in grado di dare giudizi specifici su ieri, mentre sulle sentenze non sono d’accordo, anche perché fino ad oggi il trio Thereau, Simeone Chiesa ha funzionato. Il problema semmai è che possono aver bisogno anche di tirare un po’ il fiato e sarei curioso anch’io di vedere come reagirebbe Babacar titolare per qualche partita e magari anche qualcun altro in campo. Comunque occasioni buone sono capitate a più giocatori ed è una nota positiva per una punta avere occasioni da gol (con il Napoli se l’è create addirittura da solo 2). Siamo entrati nella fase in cui non regale più niente nessuno e quando non entra, meglio prenderci il punto e pensare alla prossima.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.