Un segnale di maturità

Più o meno tutti sono concordi nel dire che Pioli sta piano piano trovando una quadratura a questa squadra. Nei nostri artcoli abbiamo sottolineato come gli ultimi risultati positivi, anche in campi difficili come Roma sponda Lazio e Napoli abbiano dato prima fiducia e poi consapevolezza. Servirebbe ora a partire dalla gara di domani contro il Genoa, un segnale di maturità, ovvero riuscire a dare continuità e sostanza in partite alla portata. Non è un caso che la parola chiave usata da Pioli oggi in conferenza stampa sia stata “concentrazione”: ovvero applicazione, determinazione, disciplina tattica, perché i fatti hanno dimostrato che la Fiorentina se rispetta questi criteri può giocarsela con tutti, altrimenti può perdere con tutti.

D’altra parte questa squadra ha bisogno ora proprio di maturare, sia caratterialmente, sia tecnicamente… perché nonostante qualcuno, come il signor Bucchioni, continui a dire che questa squadra sia tecnicamente mediocre, io dico che questa rosa è oggi ancora tecnicamente immatura, ma comunque con potenzialità importanti. E se Pioli ha trovato la quadra con un numero ristretto di interpreti, non è detto che certe seconde linee, oggi impiegate molto poco, non abbiano un valore potenziale importante: mi riferisco ai vari Eysseric, Dias, Lo Faso, Milenkovic, Hugo. E fra gli stessi titolari “fissi” ci sono sicuri margini di miglioramento e maturazione tecnico/tattico, come detto dallo stesso Pioli (in primis Benassi, ma anche Veretout, Simeone, Chiesa, lo stesso Pezzella).

Questa rosa, quindi, che magari a gennaio sarà anche rafforzata, merita fiducia da parte dei tifosi, in attesa di un primo vero segnale di maturità.

 

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*