Si continua a vincere…

La Fiorentina continua a vincere

La Fiorentina continua a vincere ma purtoppo non ho visto nemmeno l’ultima impresa contro la “corazzata” Udinese e non sono troppo convinto della bontà di questa vittoria perché l’Udinese veniva da sei, ed ha raggiunto sette, sconfitte consecutive.

Però, a quanto si legge dai giornali, e anche a quanto dimostrano i risultati, la Fiorentina c’è, forse più mentalmente e agonisticamente che a livello di gioco, nel senso che la Fiorentina, secondo me, non ha un bel gioco ma fa tanto gioco. E sono d’accordo anche con Pioli quando dice che la Fiorentina ha cannato solo due partite. E’ vero, alla Fiorentina di Pioli, rispetto a tutte le Fiorentine dei Della Valle, va riconosciuta una certa anima battagliera, frutto sicuramente di una diversa impostazione dell’allenatore e anche di qualche uomo in campo un po’ più deciso e meno tecnico.

Ora arriva la Roma, giusta, giusta per valutare le nostre ambizioni europee. E manca Chiesa, il nostro uomo in più, che garantisce tanta di quella vena battagliera che non vedevamo a Firenze da anni. Con chi lo sostituirà Pioli? Per evitare di dire “io l’avevo detto” dico subito che eviterei solo Eysseric, perché ormai abbiamo visto tutti che il francese non è adatto. Mi va bene Gil Dias, mi va bene Falcinelli, Lo Faso, mi va bene anche Gaspar… ma per piacere non il francese. La Roma non è il Benevento o il Crotone.

Oro: Chiesa

Medaglia di OroChiesa è il simbolo di questo anno di Fiorentina e lo ha dimostrato anche a Udine. Infatti è stato l’uomo più pericoloso e quello che ha creato il rigore (che assist Falcinelli!) che ha sbloccato la partita. Peccato per la sua assenza contro la Roma a causa di un cartellino giallo evitabilissimo.
 

Argento: Dabo

Medaglia di ArgentoDa tutte le parti ho letto di una buona prestazione di Dabo, sia in fase di interdizione che in fase di costruzione. Pioli e la Fiorentina devono lavorare alla sostituzione di Badelj che se ne andrà l’anno prossimo e porterà via una buona dose di fosforo. Certo Badelj non vale Pirlo e sostituirlo non sarà un’impresa così ardua.
 

Bronzo: Simeone

Medaglia di BronzoUn altro gol (con azione di rimpallo) e non è poco. A Simeone non possiamo rimproverare l’impegno e non possiamo che chiedere i gol. Quando li fa bisogna riconoscere che ha fatto degnamente il suo dovere. Sarà più facile abituarsi a lui come centravanti se cominciasse a fare qualche gol pesante.
 

1 Commento

  1. Faccio notare solo che Simeone, nonostante non goda, diciamo, dei favori di chi gestisce questa rubrica, è quattordicesimo in classifica (ovvero praticamente dietro anche a chi non ha giocato), ma come numero di medaglie è secondo solo a Chiesa, a dimostrazione che sempre dai piedi di questi due passano le fortune della Fiorentina… e che alla fine quella del Cholito non è certo una stagione da buttare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*