Spumeggianti

Premetto che non commenterò qui la contestazione della Fiesole, se ci sarà tempo e voglia lo faremo in un post separato. Voglio invece concentrarmi sulla vittoria con punteggio tennistico nell’esordio in campionato della squadra di Pioli: titolo scontato, visto che “spumeggiante” è stata la definizione data dal tecnico sabato nel pre-gara; però rispecchia proprio il modo di affrontare la gara dei giovani viola. Un po’ aiutati dallo spettacolare gol di Milenkovic, arrivato dopo pochi minuti, lo stesso Pioli ha sottolineato come per un quarto di gara la Fiorentina abbia saputo soffrire, nel momento in cui appunto il Chievo ha provato a buttarsi in avanti (anche con buone idee di gioco ed un paio di occasioni veramente pericolose). Penso che Pioli sia intelligente da capire che in quella fase si è dimostrato che il centrocampo di ieri nella fase di non possesso è poco incontrista; è vero che 2/3 erano nuovi, è anche vero però che si faceva spesso trovare o troppo alto o altrimenti troppo schiacciato. C’è tempo ovviamente per migliorare, ci sono soprattutto Veretout e lo stesso Norgaard che possono garantire maggior filtro. Detto questo, trovato il raddoppio con un po’ di carambole (ma su un calcio d’angolo arrivato dopo una bella azione), la Fiorentina è andata sul velluto. Spumeggianti perché questa squadra sa veramente accendersi durante la partita in un crescendo di intensità e profondità, dando la sensazione che il botto sia vicino: direi che Pioli sta finalizzando il passaggio dal tiki taka di Montella ad un calcio molto verticale ed i successivi gol arrivano tutti con questo tipo di giocata, molto ben interpretata da Gerson, ma che giocatori come Simeone, Chiesa, Benassi e lo stesso Eysseric sanno ben concretizzare. Ha fatto una buona partita anche l’esordiente Edimilson Fernandes, anche se sulla mediana ha forse corso qualche rischio di troppo; il ragazzo comunque ha personalità e sicuramente buoni piedi e buona visione di gioco. Gerson ha manifestato qualche lacuna come detto in fase di non possesso, ma in quanto a verticalizzazioni, progressioni, cambi di gioco, poco da dire. Un po’ emozionato Lafont, mentre rimango dell’idea che Norgaard possa essere una valida alternativa sulla mediana. Vorrei però per concludere soffermarmi sulla “vecchia guardia”: nessuno di quelli considerati i pilastri della Fiorentina di Pioli ha tradito ed in particolare Milenkovic, che oltre al gol, ha nascosto Giaccherini alla partita, Simeone (centravanti di difesa come lo chiama Simone 🙂 ), che ha fatto il solito lavoro di sponde, di rientri, di allunghi e che al 93° ha avuto la forza di scattare sull’ennesima verticalizzazione e buttarla dentro con cattiveria, ma soprattutto Biraghi, instancabile sulla fascia, con cross sempre pericolosi e con un assist delizioso per Benassi e appunto l’ex granata, il centrocampista che si vede poco, ma si sente… specialmente quando riesce a fare anche una doppietta.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.