Babbo Natale, la Befana e l’anno che verrà

Il 2018, da un punto di vista di calcio giocato, si chiude per la Fiorentina un po’ sottotono, a causa dell’ennesimo pareggio esterno, che segue la brutta sconfitta casalinga con il Parma. Il 2018 finisce un po’ come era iniziato, che vide in gennaio e febbraio due mesi di stenti. Poi arrivò il maledetto 4 marzo e la tragedia di Davide Astori. Un tragico punto di discontinuità, che paradossalmente portò una serie incredibile di risultati positivi. Alcuni passi falsi nel finale e niente Uefa. Sentenza in estate del Tas pro-Milan e niente Uefa. Un ritrovato entusiasmo estivo, calato piano piano a suon di gol mancati e punti persi. Ma proprio mentre si vivevano i poco brillanti ultimi giorni del girone di andata, finalmente Babbo Natale ha deciso di fare un salto anche in casa Fiorentina ed ecco annunciato Luis Muriel. Un giocatore di quelli che fanno discutere, per quello che fa o per quello che potrebbe fare. Certo sulla carta un ottimo acquisto, visto anche la concorrenza del Milan. Fra pochi giorni, intorno alla Befana, la Fiorentina partirà per Malta e Pioli spera che Corvino, travestito magari da vecchia sulla scopa, faccia arrivare anche un dolcino per il centrocampo. Il tecnico viola avrebbe vinto così la lotteria di capodanno. I nomi sono tutti interessanti… certo Diawara e Rog, ma anche Viviani e lo stesso Pulgar sarebbero già testati per il campionato italiano. Noi, come i bimbi, stiamo ad aspettare fiduciosi che la befana non porti solo carbone. Fiduciosi dovremmo essere anche per l’anno che verrà, pensando magari di scrivere la nostra lettera al comune amico lontano, il nostro Capitano. Sicuramente qui ancora qualcosa non va, ma se il calcio oggi ha ancora qualche speranza è perché ci sono ancora alcune società che pensano di farlo ancora pensando ai giovani, pensando al fair play, pensando alla sostenibilità, pensando a far divertire intere famiglie e non a far scatenare i fanatici. La Fiorentina è una di queste. BUON 2019 a tutti!

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.