Soddisfazione

Il nuovo anno calcistico inizia con una bella soddisfazione per i tifosi viola: passaggio del turno ed accesso ai quarti di Coppa Italia, in partita secca giocata nel difficile campo del Toro. Premesso che questa formula è davvero assurda, ci sono diversi motivi per godere di questa vittoria. Prima di tutto, la Fiorentina ha di nuovo dimostrato sul campo di non essere certo inferiore ad una squadra come il Torino, da molti (anche giornalisti “fiorentini”) definita più attrezzata rispetto ai viola. Una certa soddisfazione, almeno da parte mia, anche nei confronti di “Millescuse Mazzarri”. Oggi non può lamentarsi degli arbitri perché tutto quello che hanno potuto fare per il toro, l’hanno fatto. E allora se la prende con gli infortuni, se la prende con la poca precisione dei suoi attaccanti (come se avesse attaccato per 100 minuti). Dice che se il Toro avesse fatto uno o due gol, sarebbe stato diverso… ogni commento è ovviamente superfluo. Mazzarri quando perde non entra mai nel merito tattico della partita. Ma nel primo tempo la Fiorentina ha avuto in mano il gioco, ha creato 3/4 occasioni interessanti, compreso un presunto rigore, visto e rivisto al VAR prima di NON essere concesso. Il Torino ha deciso di giocare la sua partita nei primi quindici minuti del secondo tempo. In questa fase è riuscito ad essere aggressivo nel recupero palla e arrembante davanti. Poi nella sua intensità il Toro è diventato naturalmente più disunito. La Fiorentina da parte sua ha cercato di tener botta nella prima fase della ripresa e poi si è organizzata per colpire in contropiede. E in più occasioni ci è riuscita, portando al gol di Chiesa, all’occasione sprecata con Dabo ed al raddoppio dello stesso Chiesa. Pioli ha fatto vedere di avere anche qualche idea nuova rispetto al suo collega. Sapendo che Biraghi-De Silvestri si sarebbero limitati a vicenda, ha dato più libertà a Milenkovic, che abbiamo visto spesso anche in inserimenti centrali, lasciando la fascia libera per Benassi o le punte. Ha fatto giocare Chiesa punta con Muriel e Mirallas a svariare. HA scambiato molto Fernandes e Veretout nel ruolo di play-maker. Oltre all’esordio di Muriel, da soddisfazione anche il sostegno che è arrivato dalle sostituzioni. Prima di tutti Simeone, che ha fatto una grande giocata in occasione del vantaggio viola.  Nonostante abbia dimostrato anche oggi la sua prigrizia, lo stesso Gerson ha dato maggiore qualità, migliorando un po’ la fase di possesso palla. Un po’ di soddisfazione, infine, anche verso i telecronisti RAI che certo non si dannano per compiacere i tifosi viola. Nel post partita, poi, preferiscono liquidare in pochi secondo Hugo venuto ai microfoni, per parlare della vicenda Wanda Mara/Icardi. Diciamo che la RAI potrebbe sfruttare con un po’ più professionalità questi pochi momenti di gioia calcistica che la lotta ai diritti telesivisi gli sta concedendo.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.