Più forti di noi?

In questi mesi le classifiche volanti di molti giornalisti (e tifosi fiorentini) ci vedono sempre dietro gli altri. L’Atalanta è più forte, il Torino è più attrezzato, la Samp gioca meglio. Fatto sta, dopo aver eliminato i granata in Coppa Italia, abbiamo giocato alla pari ed abbiamo pareggiato la gara contro la Sampdoria. Lo abbiamo fatto però in 10 e con un arbitraggio veramente discutibile. Avevamo invece dominato i primi 40 minuti di gioco in parità numerica. Voglio inoltre prendere subito le difese di Pioli, divenuto oggi punto di sfogo della frustrazione del tifoso. Non ritengo Pioli un mago, però oggi è partito con le tre punte, ha messo sotto la Sampdoria. E la Fiorentina ha creato più occasioni prima di arrivare alla prima perla viola di Muriel. Dopo l’espulsione di Fernandes, Pioli ha avuto il coraggio di attendere l’intervallo per valutare quale decisione prendere, togliendo alla fine Simeone. Dopo la seconda perla di Muriel ha messo giustamente Laurini passando a 5 dietro perché la Samp raddoppiava su entrambe le fasce. Né Gerson, né Muriel ne avevano più per seguire tali raddoppi e quindi cambio sacrosanto. Fra l’altro tutti sappiamo che Muriel non ha i 90 minuti. Lasciandosi fra l’altro la terza mossa, usata poi per buttare dentro Mirallas. Ed anche la scelta di Dabo è stata azzeccata, perché il francese ha messo muscoli a disposizione dei viola. Veramente meno azzeccate le scelte, o meglio direi, l’atteggiamento dell’arbitro. Ero a pochi metri dal primo fallo di Fernandes; al 13° minuto, a centrocampo, vicino alla linea laterale non si può ammonire per un entrata sul pallone, senza possibilità di far male, seppur con intervento deciso. Poi orecchie ed occhi chiusi su Ramirez, il non fallo di Veretout per il pareggio doriano. Ed i 3 minuti di recupero (dopo le esultanze infinite ai gol, le perdite di tempo varie) sono inspiegabilmente pochi. Insomma, inizio ad essere preoccupato perché c’è una cerchia di 4/5 arbitri (Lo Bello, Abisso, Bergamo, Giacomelli) che sanno tanto di “scarsi senza speranze internazionali a disposizione del sistema”.

Le note stonate di oggi sono il periodo un po’ sottotono di Biraghi, la solita poca concretezza di Gerson, la nuova ingenuità di Hugo. Tutti e tre alla fine hanno anche ricambi che consentirebbero loro di tirare un po’ il fiato. Gran parte della scena se l’è presa ovviamente Muriel. I gol di oggi sono qualcosa di fenomale, però ovviamente dobbiamo dare il tempo al giocatore di ambientarsi, di arrivare al 100% della condizione, senza mettere subito addosso la pressione del salvatore. Non dobbiamo invece dimenticare lo spirito con cui questa squadra ha affrontato tutta la gara, fino all’ultimo secondo, a partire ovviamente da Chiesa, Veretout ed il nostro capitan Pezzella.

Alla domanda allora: “i nostri competitor sono più forti di noi?”, la mia risposta è che questa squadra non molla. Abbiamo valori importanti, forse possiamo rafforzarci ancora un pochino da qui a fine gennaio. Non devono mollare quindi i tifosi, mettendo da parte le diatribe con la società, gli attacchi al mister ed il continuo pessimismo. Perché alla fine è accaduto spesso che solo con l’intervento di certi fischietti alcune squadre si sono dimostrate sul campo più forti di noi.

PS: Tutte le copertine dei media sono ovviamente per Muriel. La mia è però per il nipote, che ha avuto modo di accompagnare i giocatori in campo ed ha fatto in modo di portare dopo anni zii e nonni tutti allo stadio.

1 Commento

  1. Parto subito dalla foto di Dario, il nome si può dire, che ha una postura meravigliosamente orgogliosa e devo dire che l’ho invidiato proprio. Nonostante mi stia allontanando dal calcio fare l’ingresso nel Franchi ribollente di tifo piacerebbe anche a me. Figuriamoci che pensieri devono essere passati per la testa a un bimbo di 10 anni, a quell’età i calciatori sono eroi.

    Riguardo alla partita ho visto il primo gol di Murel, poi mi sono appisolato, poi sono uscito e per me la partita era finita 2-3. Solo lunedì mattina mi sono accorto dell’insperato pareggio.

    Per prima cosa vorrei dire che Gerson non lo sopporto più, è vero che ha un sinistro meraviglioso ma ha solo quello, è proprio il classico giocatore dal grande potenziale che ormai non ha più voglia di soffrire e si accontenta. Insopportabile.

    Poi vorrei dire che non sopporto più nemmeno Simeone, ma questo già si sapeva, è l’opposto di Gerson, qualità zero e solo tanta voglia di soffrire.

    Quindi eccoci a Pioli: possibile che riesca a mettere in campo un centrocampista che non difende e un centravanti che non attacca? Possibile che la rosa della Fiorentina non permetta di meglio?

    Una parola la spendo anche su Fernandes, si è fatto espellere come un ingenuo ma tra i nuovi arrivati quest’anno mi sembra il migliore, ha solo 22 anni ed è alla sua prima stagione in Italia. Si merita pazienza.

    Su Muriel dico che sono rimasto molto sorpreso e mi viene da pensare che fin dalla prossima partita le difese gli riserveranno un trattamento “migliore”. Speriamo che non si accontenti di una doppietta.

    Finisco, ahimé, dicendo che anche questa volta l’unico uomo decisivo in campo è stato l’arbitro, che prima non ha espulso Ramirez e dopo ha espulso Fernandes per gli stessi identici falli.

    Lo diceva anche Boniperti: “meglio avere in campo un buon arbitro che un buon giocatore.”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.