Tre punti pazzi

Potevano essere gli ennesimi tre punti persi ed invece alla fine sono arrivati per fortuna tre punti pazzi. A scanso di equivoci e nonostante un arbitraggio veramente scarso, la Fiorentina ha meritato questa vittoria, pur complicandosi a più riprese la vita. Il Chievo, non potendosi lamentare dell’arbitro (che tutto quello che poteva dare e fischiare al Chievo lo ha fatto) si lamenta del VAR, che però alla fine è entrato in scena nelle valutazioni tecniche e quindi in qualche modo inconfutabili. L’annullamento del gol di Giaccherini fa arrabbiare, ma è come quando nel tennis si annulla un ice per fallo di piede. E non si può paragone l’irregolarità di Pellissier come aver messo un piede in area al momento del calcio di rigore, perché l’attaccante del Chievo svolge un ruolo attivo, determinante nell’azione del gol di Giaccherini. Sul primo gol di Chiesa il VAR ha valutato invece  la correttezza della posizione del giovane viola. L’arbitro infine non ha voluto rivedere il secondo rigore, fischiato in modo precipitoso e secondo me sbagliando. 

Venendo alla gara, proprio come lo scorso anno la Fiorentina trova subito il gol con Muriel e si siede, calando di intensità, lasciando molti spazi al Chievo. Il VAR grazia l’enorme errore di Lafont e i viola hanno la fortuna di trovare subito il raddoppio. Ma purtroppo non basta. La Fiorentina è disunita ed anche la coppia Hugo-Pezzella sembra in affanno. Manca fra l’altro anche Milenkovic e ogni azione del Chievo è un pericolo. Muriel, dopo il gol iniziale, non è stato in grado di ripetere la prestazione di domenica scorsa e dopo un suo errore grossolano solo davanti a Sorrentino, arriva rigore e pareggio. Qui per fortuna sale in cattedra Federico Chiesa, che finalmente riesce ad essere anche freddo sottoporta, con una doppietta da vero fuoriclasse. Nel mezzo, appunto, il secondo rigore, questa volta parato da Lafont, che si fa perdonare qualche indecisione di troppo nel corso della gara. Ma la partita non è finita: Pezzella si fa di nuovo anticipare di testa e 4 a 3. E occorre soffrire fino alla fine per portare a casa questi tre punti pazzi. Buono esordio di Hancko, mentre un po’ in difficoltà Norgaard, in un centrocampo spesso un po’ troppo sguarnito giocando con le tre punte. L’argentino è l’unico che continua a rimanere a secco di reti, anche se ha fatto un buon assist al nostro goleador Benassi. Pioli deve continuare a dare fiducia al Cholito, anche perché Muriel ancora non è al massimo. E mercoledì c’è anche la delicatissima partita di Coppa Italia contro la Roma. Ed a proposito di Roma, oggi Gerson è entrato con il piglio giusto, candidandosi ad un posto da titolare contro i giallorossi.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.