S-QUART-ATI!

Ho potuto vedere purtroppo solo il secondo tempo, ovvero la parte in discesa della gara, dove la Fiorentina ha raccolto i frutti di un primo tempo giocato, a quanto sembra, veramente da grande squadra. Ed in questo modo, una Roma confusa in partenza, stordita dall’1-2 di Chiesa, si è molto innervosita quando il suo forcing ad inzio ripresa ha portato solo al quarto gol viola, fino a spengersi piano piano per la passarella finale del solito Chiesa ed anche del Cholito. Insomma, li abbiamo letteralmente s-quart-ati, con una vittoria storica. Una vittoria che consacra Chiesa come un giocatore di spessore ormai internazionale, ma che restituisce (anche in fortuna) alla squadra di Pioli quanto forse era ingiustamente mancato nella prima parte di stagione. Restituisce una giusta dignità anche al Cholito: è vero che segnare due gol sul 5 a 1 contro una squadra inerme potrebbe essere facile, ma ha fatto comunque due reti molto belle. Una vittoria che dimostra il valore potenziale del nostro attacco, sicuramente molto arricchito con l’arrivo di Muriel, ma che certo era stato ben assortito anche nella passata estate. E mi sembra riduttivo parlare di una Fiorentina che gioca in contropiede. I viola hanno di nuovo dimostrato di saper difendere compatti, anche se verso la parte finale del primo tempo forse ha giocato un po’ in apnea. Però c’è anche un centrocampo che non ha paura a pressare a tutto campo e soprattutto non ha paura a rischiare giocate in verticale.

Voliamo quindi in semifinale sulle ali dell’entusiasmo, rafforzato in serata dal KO dei bianconeri, che quindi ci consentirà di giocarci la finale con l’Atalanta. Questo significa che abbiamo davvero la possibilità di giocarci questa coppa fino alla fine. Tutto questo significa però che inizia adesso una nuova stagione per i viola, fatta di maggiori responsabilità. E’ necessario, infatti, adesso mandare un primo segnale importante di crescita, che consenta di gestire l’entusiasmo sia per dare continuità in campionato, sia per arrivare alle due semifinali con la concentrazione, la determinazione e la cattiveria che abbiamo visto stasera.

Per chiudere un commento su telecronaca e commenti della RAI: imbastita per celebrare la vittoria della Roma, ha avuto alla fine solo spazio per fare il processo ai giallorossi, dopo un tono durante la gara sempre più spento, come appunto la squadra di Di Francesco. Mancava solo la banda nero sullo schermo…

2 Commenti

  1. Io invece ho visto solo il primo tempo…

    Primo avevamo il nostro miglior centrocampo, quello che prevede Veretout, Benassi e il giovane Edmilson che non sarà un fenomeno ma è uno molto presente nella fase di interdizione, molto, molto più presente di Gerson.
    Secondo, forse aiutati dallo svolgersi della partita, forse obbligati dall’avere un centravanti che non è il primo dei difensori ma il primo degli attaccanti, abbiamo atteso la Roma nel nostro centrocampo, evitando di portare il solito logorante pressing altissimo.
    Terzo non avevamo in campo né Eysseric (finalmente rispedito al mittente), né Pjaca, né Gerson. L’unico “libero da impegni” in campo era l’unico che se lo può permettere, il centravanti.
    Quarto un pizzichino di fortuna nel palo colpito dalla Roma su calcio d’angolo.
    Quinto la garra e la fame messa in campo dai nostri giocatori, la fame che gente come Pastore, El Shaarawy, Nzonzi, Florenzi che si fa sverniciare da Biraghi, non sanno più dove sta di casa visto che viaggiano sui 4/5 milioni annui netti a meno di trent’anni senza aver vinto niente. I nostri tifosi si lamentano di Corvino, ma alla Roma i giocatori sono monchi.
    Sesto, grazie a Di Francesco che non ha fatto giocare Dzeko che aveva segnato una doppietta dopo mesi di digiuno, scelta assurda. In questo senso Pioli, che non è un mago nelle scelte tecniche, credo che abbia una maggiore sensibilità.
    Settimo, proprio come i gol, la Fiorentina ha cominciato a fare affari con l’Empoli, che non c’entra niente con la partita ma è un bel segnale per il futuro.

    Abbiamo ritrovato un po’ di entusiasmo e il campionato è ancora lunghissimo…

  2. Un’aggiunta breve breve alla telecronaca, all’inizio della partita in studio c’era Sebino Nela, durante l’accento era trasteverino, al primo gol di Chiesa la voce del commentatore, che si solito si alza in assurde manifestazioni entusiastiche, è rimasta in gola…

    E’ il servizio pubblico ma almeno è sincero 🙂

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.