Di nuovo due punti persi

La Fiorentina ad Udine si è trovata a raddrizzare una partita che alla fine poteva anche mettersi per il peggio. Questo non cambia però la sostanza della gara, ovvero che sono stati di nuovo due punti persi. Si, perché l’Udinese è veramente una delle squadre più scarse di serie A, che gioca le partite solo ed esclusivamente nell’attesa nei suoi 40 metri, nei raddoppi, triplicazioni e botte su tutti gli avversari ed ovviamente su ripartenze gestite però a pieno organico… più qualche buona giocata di De Paul. Insomma, la Fiorentina, come aveva di fatto iniziato la ripresa, doveva solo accelerare le giocate e sfiancare i friulani, senza esporsi alle loro folate in ripartenza. Perché le occasioni le avrebbe avute, come di fatto ci sono state fino alla fine. Un po’ come aveva fatto all’andata a Firenze. Ed invece ennesima ingenuità su un calcio d’angolo a favore e contropiede con un iniziale 4 contro 1. A parte l’errore di Veretout sullo schema dalla bandierina, davvero non si capisce perché si mandano 6 giocatori a saltare in area (quasi nessuno ne manda così tanti) e poi si fanno questi giochetti rischiosi. Su Veretout c’è da dire invece che è in un evidente periodo di appannamento. Forse Pioli ne sta abusando un po’ l’impiego ed in vista delle semifinali è una considerazione da fare. Per fortuna Fernandes trova un gran bel gol, il primo con la maglia viola. Il solito Chiesa ci ha provato fino alla fine, mentre Muriel ha giocato una partita sottotono, come era facile aspettarsi dopo la partenza sprint delle prime gare. E mentre Simeone è entrato bene in partita, veramente impalpabile Pjaca. Davvero inspiegabile questo giocatore. Forse meritava un riscatto altrove, come la Fiorentina meritava di poter cercare un sostituto più utile alla causa. Anche Milenkovic ha fatto vedere qualche sbavatura non da lui, una delle quali gli è costato un giallo che gli farà saltare la gara contro il Napoli. Già, sabato mancheranno lui e Benassi. E questi due punti persi pesano ancora di più, perché potevano essere uno slancio per affrontare con miglior spirito una sequenza davvero dura con Napoli, Spal, Inter, Atalanta e Lazio.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.