Occasioni

Con la vittoria dell’Atalanta a Cagliari, la zona Uefa si allontana a 4 punti ed aumenta il rammarico per le nostre occasioni perse. Niente di compromesso, ovviamente. Lo scorso anno alla stessa giornata la Fiorentina era a 6 punti dal settimo posto e ben 16 dal quarto. Però la partita di stasera dimostra cosa significa avere una squadra matura, come è quella di Gasperini. L’Atalanta di occasioni ne ha avute poche, forse meno del Cagliari, ma ha vinto senza alla fine neppure troppa pena. E ora è ad 1 punto dalla Champion’s. Il bello ed il brutto della Fiorentina è che se pensi a tutto il campionato, in quasi tutte le partite non vinte la squadra di Pioli aveva avuto sul campo l’opportunità di vincerla. Sono convinto che l’intelaiatura dei viola è migliore di quella dell’Atalanta, della Samp e forse anche della Lazio. Però il rischio che dobbiamo attendere un altro giro per l’Europa è alto. E dobbiamo sperare eventualmente che questo non crei scollamenti nella rosa, a partire ovviamente da Chiesa. Si, perché le occasioni sono alla fine figlie dei calciatori che tieni in rosa. E non solo le quotazioni di Chiesa e Milenkovic, ma anche quelle di Veretout, Fernandes, Biraghi, Pezzella, Hugo e lo stesso Simeone saranno sicuramente in crescita. Lo saranno nonostante le critiche che pioveranno se non dovessimo centrare l’obiettivo. 

A margine di questo discorso, pensavo un po’ ai tifosi che fanno oh. I tifosi hanno fatto le barricate per le partenze di Gonzalo (sparito), Borja (ai margini), Vecino (buon giocatore, ma nella media), di Kalinic (quasi ridicolizzato) e hanno quasi esultato per la partenza di Ilicic. Una semplice statistica detta in cronaca, mi ha aperto però gli occhi. Ilicic in 250 partite in A ha segnato 66 reti, dodicesimo dei calciatori in attività, ben 10 più di Lorenzo Insigne, dietro solo a Hamsik come “non attaccante”. Siamo la squadra più giovane d’Europa ed è forse fuori luogo rimpiangere Ilicic. Però ripensando ai passaggi a vuoto di Eysseric, Gil Dias, Pjaca, avere un giocatore come lui in mezzo a Chiesa, Simeone ed oggi anche Muriel poteva essere un’occasione. E comunque rimane il fatto che spesso il problema a Firenze è di quelli che troppo presto e troppo spesso fanno: oh… che palle.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.