Chiuso il girone dei rimpianti

Pioli ha affermato ieri che non vuole che questo sia il campionato dei rimpianti per lui e per la Fiorentina. Il pareggio di oggi ha però chiuso il girone dei rimpianti. Anche a Genova la Fiorentina ha dominato per gran parte della gara, ha avuto diverse nitide occasioni per segnare, ha avuto anche la sorte (ed un po’ anche l’arbitro) dalla parte sbagliata. Se la Fiorentina avesse vinto con il Parma, questo pareggio sarebbe stato sicuramente apprezzato molto di più, perchè Marassi è comunque sempre un campo difficile, a partire dallo stesso terreno. Antognoni e Pioli hanno sintetizzato il girone dei rimpianti dicendo che alla Fiorentina mancano 4 punti. Ovvero i punti che ci porterebbero proprio al sesto posto. Ovvio che i se ed i ma non fanno che aumentare i rimpianti e magari porre anche pericolosi alibi. La cosa veramente positiva di questo girone di andata è che veramente la Fiorentina (escludendo la partita con la Juve) basa i suoi rimpianti non tanto sulle opportunità (mancate) che potevano offrire sulla carta certe partite, ma sulle opportunità che si è costruita sul campo. Da questa considerazione deve ripartire la squadra di Pioli, perché certo non è ancora tempo di mollare. Il sesto posto è a 4 punti come lo scorso anno, il quinto ed il quarto sono a 5 e 6 punti, mentro lo scorso anno erano ad oltre 10 punti. Pioli deve ripartire anche da situazioni tecnico/tattiche che si stanno ormai palesando. Mirallas ha dimostrato anche oggi di dare molto più sostanza di Pjaca (che nei 15 minuti giocati è stato praticamente invisibile). Ceccherini e lo stesso Laurini hanno dimostrato di essere buone alternative per non stressare la stagione di Pezzella e soprattutto Hugo. Norgaard potrebbe essere davvero una soluzione che ribilancia il centrocampo viola, facendo diventare semmai Gerson un’alternativa a Mirallas. Il danese continua infatti a dare segnali positivi. Sappiamo che non è Pirlo e neppure Pizarro, ma sa fare filtro, sta entrando sempre di più nell’impostazione del gioco, consentendo a Veretout di ritornare nel ruolo di mezzala. Infine l’attacco. Chiesa è ritornato ad essere anche lucido, oltre che lottatore come sempre. Certo se avesse sbagliato Simeone il gol che ha sbagliato Chiesa lo avremmo massacrato. Daltra parte in tanti lo stanno facendo per l’ottima occasione sprecata dal Cholito ad inizio gara. Però Simeone ha giocato una partita di spessore, consentendo alla Fiorentina di salire spesso giocando da dietro, perché ha lottato e difeso mille palloni. Ed il calo finale dei viola è dovuto per gran parte al fatto che Simeone è davvero scoppiato. C’è infine un mercato che potrebbe sistemare un po’ le cose, in particolare questa poca confidenza con il gol che anche oggi si è visto essere non solo un problema di Simeone.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.