Prova di immaturità

Oggi l’opportunità per la Fiorentina era davvero troppo allettante per non essere delusi ed amareggiati da questa sconfitta interna con il Parma. Con tre punti avremmo agganciato il Milan, avremmo consolidato la nostra posizione Uefa, avremmo messo il sigillo su un girone di andata soddisfacente. Un’opportunità che la Fiorentina si era costruita con merito, perdendo poco, pareggiando molto e con le ultime due vittorie con Empoli e Milan certo non banali. Ed invece purtroppo i viola hanno tirato fuori una prova di immaturità. La Fiorentina non ha saputo mentalmente e tatticamente affrontare questa gara. Fin dalle prime battute sembrava una gara in cui bisognava solo pensare al modo con cui sbloccare il risultato per poi andare via tranquilli. In effetti il Parma da proprio l’impressione di essere l’anticalcio per definizione. E mettendo addirittura anche Gervinho in panchina, gli stessi contropiedi sembravano innocui, visto che partivano sempre con tutti i giocatori parmensi nei propri 30 metri. Ma se il Parma aveva già vinto 3 gare in trasferta ci sarà un motivo. La Fiorentina si è fatta attrarre nel trappolone di andare a giocare fin da subito tutta nella metà campo avversaria. Ha accettato (e qui secondo me veramente uno dei primi errori tattici palese di Pioli) di lasciare uno-contro-uno pericolosi. E’ infatti un errore tattico se in mezzora 3 difensori su 4 sono ammoniti per lo stesso fallo, le prime due volte sullo stesso giocatore (Biabany). E’ comunque anche dimostrazione di un atteggiamento mentale sbagliato dei difensori viola, oggi forse veramente proiettati ad offendere più che a difendere. Oggi era la classica partita che si doveva vincere con la pazienza, probabilmente giocando per buona parte una partita noiosa, aspettando il momento buono per colpire, un po’ come a Milano. La Fiorentina ne esce invece con 0 punti e le ossa rotta, fra espulsioni e diffide. Una prova di immaturità che spero almeno valga da lezione a Pioli ed i suoi giocatori.

Poi ovviamente c’è la partita nella partita. Prima di tutto direi un po’ di sfortuna. Milenkovic fuori per infortunio a metà primo tempo. Il gol del Parma che arriva a primo tempo ormai chiuso, su azione innocua, praticamente chiusa se Hugo non facesse un buco clamoroso, non da lui. Ed è vero che oggi i viola sono stati molto imprecisi e frettolosi nelle conclusioni; ma con oltre 30 tiri, anche per sbaglio… Anche se non vogliamo dirlo, secondo me in questa fase c’è anche un problema Chiesa. Spesso prova a prendersi la squadra sulle spalle, ma è anche vero che sbaglia troppe scelte ed esecuzioni per uno del suo valore. C’è stato poi questo arbitraggio palesemente provatorio per i viola, sul quale però non vorrei insistere troppo, perché la Fiorentina poteva esserne superiore. Si è visto invece qualche barlume di Pjaca, ma il tempo ormai è tiranno per il croato. La Fiorentina è ora chiamata a fare risultato a Genova per stare nel gruppone e giocarsi tutto nel girone di ritorno… perché è davvero troppo presto per farsi prendere dal pessimismo bucchioniano.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.