Il colpaccio che ci voleva

Se uno si chiede cosa ha fatto Chiesa di buono in tutta la partita, la risposta è: un tiro in porta. Se al tempo stesso si chiede chi ha vinto la partita, la riposta è: Chiesa, con quel tiro. Questo significa avere un giocatore di alto livello, questa è l’essenza del calcio. Ma ovviamente Milan Fiorentina non è tutto qui. Nonostante il Milan fosse in emergenza a centrocampo, la Fiorentina nel primo tempo non è mai caduta (troppo) nella tentazione di sbilanciarsi e lasciare l’uno contro uno a Suso, Calhanoglu o Higuain. E’ successo solo in un paio di occasione quando è stato bravo Donnarumma a scavalcare con lanci millemetrici il pressing viola. D’altra parte anche il Milan temeva la Fiorentina e per questo ha giocato sempre molto compatto, attentamente tutto dietro la linea della palla quando la Fiorentina era in possesso. Risultato: partita molto chiusa, gioco intenso, ma lento. Poi Gattuso ha provato a vincerla, mettendo Cutrone e passando ad un centrocampo a 2 ed ecco che Chiesa ad avuto più spazio per le sue accelerazioni. Ed anche se stava sbagliando sistematicamente tutte le giocate, ha trovato improvvisamente lo spunto giusto, finta, dribbling e tiro velenoso dai 25 metri. Una liberazione per il giovane viola, una liberazione anche per Pioli e tutta la squadra che trova finalmente il colpaccio che ci voleva. Una vittoria esterna in un campo prestigioso, contro la quarta in classifica, ma che potrebbe diventare anche una concorrente. Dopo il vantaggio i viola legittimano la vittoria con una partita attenta, tenendo il Milan lontano dall’area con il palleggio e comunque con una linea difensiva sempre aggressiva. Ottima la prova di tutta la linea difensiva, con Hugo sopra le righe ed un Lafont sempre attento. Diciamolo che ad oggi la Fiorentina ha la quarta difesa del campionato. Oltre a ricordare sempre che è fuori ruolo, diciamo pure che Veretout offre una solidità che lo scorso anno non avevamo. Dopo la ritrovata vittoria nel derby, arriva quindi anche il colpaccio in trasferta, per passare un sereno Natale e spingere al massimo in questo rush di fine girone di andata.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.