Miracolo al Franchi

miracolo al Franchi

Un miracolo ha rischiarito il Franchi ieri pomeriggio: Simeone ha fatto un passaggio filtrante!!!

Ebbene si, dopo un anno e mezzo a Firenze, quando ormai non ci credevano più nemmeno i suoi più caldi ammiratori, Simeone è riuscito a controllare il pallone, alzare la testa e servire in profondità Mirallas che ha saputo realizzare il gol dell’1-1.

A quel punto sul Franchi si è aperto il cielo e un intenso raggio di sole ha rischiarato tutto lo stadio. Peccato che non sia arrivato ad illuminare gli idioti del Settebello perché a Simeone non si può rimproverare niente, se non ci arriva non ci può lanciare il cappello.

La partita non era cominciata per niente bene, con un gol annullato per millimetri, un gol sbagliato clamorosamente da Hugo e un gol fatto dall’Empoli dopo che avevamo concesso un contropiede quattro contro tre per voler fare il fuorigioco a centrocampo al ventesimo del primo tempo. 🙁

Nel secondo tempo la Fiorentina ha continuato a giocare a calcio e grazie al miracoloso passaggio di Simeone e alla freddezza di Mirallas ha giustamente pareggiato, poi è giustamente andata in vantaggio, poi è arrivato un altro miracolo, quello di Lafont che ha impedito all’Empoli di raggiungere il 2-2. Sinceramente sarebbe stato un po’ troppo prendere due gol nelle uniche due occasioni concesse agli avversari. A chiudere la partita ci ha pensato un altro mezzo miracolo di Dabo che ha fatto un gol straordinario.

Avere in campo Mirallas al posto di Pjaca o Eysseric (o Saponara), ci fa giocare ad armi pari, almeno come numero di giocatori. Non che il belga-spagnolo sia un fenomeno, però è uno che ci mette grinta, si muove bene e tanto, e quando si avvicina all’area comincia a diventare pericoloso.

Gerson conferma palla al piede, e con squadre che ti fanno giocare, è un giocatore forte. Certamente è un lusso farlo giocare in un centrocampo a tre con squadre di livello superiore all’Empoli.

Norgaard ha fatto una partita attenta e niente di più, l’unica cosa messa in mostra è stata una certa ingenuità nel gestire i palloni. Serve più cattiveria e più grinta, dovrebbe imparare da Hugo e da Biraghi.

Una segnalazione positiva anche per Ceccherini che si è fatto trovare pronto all’uso.

Chiudo come avevo cominciato, con Simeone che si merita la palma di migliore in campo perché, oltre al miracoloso assist, ha realizzato anche il 2-1 con un gol da perfetto centravanti.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.