Ritorno alla vittoria

C’era tanta tensione nei viola prima di questa gara. Una tensione che ha imbalsamato per gran parte del primo tempo il gioco della Fiorentina. Una tensione nella tensione quella di Simeone, sfogata in un gesto istintivo dopo il gol, certo non bello, ma alla fine anche capibile. Ma andiamo in ordine. L’Empoli e l’esperto Iachini sapevano bene che la Fiorentina sarebbe partita titubante. E per questo ha pressato fin dai primi minuti, forzando l’errore dei viola, ripartendo sempre alla massima velocità, trovando così il vantaggio. La difficoltà dei viola ovviamente era dovuta anche all’assenza di 2/3 del centrocampo titolare, con l’esordio di Norgaard dal primo minuto. A me il danese alla fine non è dispiaciuto. Non sono neppure troppo d’accordo sul discorso del compitino. Si è sempre fatto trovare negli appoggi, ha cercato qualche verticalizzazione. Deve ovviamente trovare un po’ più di sicurezza ed anche agonismo. Sullo 0 a 0 la Fiorentina aveva trovato anche il gol, annullato per un fuorigioco del famoso epsilon piccolo a piacere, dimostrato fra l’altro con molto ritardo in diretta alla TV. La Fiorentina comunque non si è sciolta e con una bella azione in verticale, la palla arriva a Simeone che la serve filtrante per Mirallas. Ed il belga ancora una volta dimostra di essere il più freddo in area di rigore. Nella ripresa, sventata una azione pericolosa conclusa male da Antonelli, la Fiorentina ha preso in mano il gioco e ritrova finalmente il gol casalingo del cholito, su ottimo cross di Biraghi. I viola sembrano avere il controllo della gara, con Chiesa salito in cattedra. La Fiorentina però non la chiude subito e l’Empoli è squadra che non molla. Occorre un mezzo miracolo di Lafont per togliere al solito Caputo la gioia del gol. Poi ci pensa però una grande progressione di Dabo conclusa con tiro dalla distanza a chiudere il Derby. Un derby che sancisce il ritorno alla vittoria della Fiorentina ed il ritorno al gol al Franchi del cholito Simeone, il quale dopo la gara con gesto di grande umiltà chiede più volte scusa per il gesto istintivo.  Ma come abbiamo visto di recente nella serie televisisa sulla RAI, Firenze non è stata solo de’ Medici, ma anche un po’ de’ Pazzi. Ed è così che arriva un comunicato del Settebello, che aveva tanti modi per essere sensatamente duro, e che invece esce in modo duramente assurdo.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.