Calcio: sport o circo?

circo

Cercando notizie sulla partita di circo contro il Sassuolo di ieri sono arrivato a questo




che mi fa parecchio tristezza visto che denuncia un rapporto incrinato tra giocatori e tifosi.

Quindi viene da chiedermi, sono solo i DV e Corvino i responsabili della nostra posizione in classifica, a tre punti dall’Empoli, oppure anche i tifosi stanno cominciando a rendersi conto che c’è dell’altro?

Mi è dispiaciuto non vedere la partita per poter giudicare con i miei occhi la prestazione di Vlahovic, mi è dispiaciuto ancora di più che Pioli lo abbia schierato accanto a Pjaca il morto e Gerson il brasiliano. Che abbia giocato bene o male il centravanti primavera è ingiudicabile da una partita, ma è giudicabile il fatto che Pioli abbia scelto di non farci giocare accanto Chiesa. E che lo stesso Pioli continui a mettere in campo sempre e comunque un giocatore che vale zero: si chiami Pjaca o si chiami Eysseric. Se la formazione la fa la società perché deve valorizzare non mi interessa guardare le partite, se la formazione la fa l’allenatore e la sbaglia sempre, lo stesso. Non posso perdere il mio tempo a vedere giocare Pjaca.

Una nota veloce su Gerson il brasiliano, a me con il pallone tra i piedi piace, perché ha una raffinatezza di tocco che è raro vedere, ma in metà campionato l’allenatore che l’ha “strappato” all’Empoli non gli ha ancora trovato la collocazione giusta. Quindi Gerson che si è preso a fare?

Per fortuna ieri si è rivisto il centravanti che vale 100 passaggi sbagliati in serie A con uno dei suoi tipici gol, quello di carambola. Solo il tempo ci dirà quanto è buono Simeone e quanto Corvino riuscirà a ricavare dalla sua cessione.

Per sfortuna invece, si è rivisto il solito errorino, forse due, di Lafont. Ma, anche qui, è chiaro che si deve chiudere gli occhi e andare avanti tutto l’anno con lui. Però non si può chiudere il cervello e una domanda viene spontanea: non potevamo accontentarci di Sportiello ed investire i soldi del portiere in altro?

Ringrazio però Pioli e Simeone, che insieme alla VAR, mi stanno facendo perdere l’interesse per il calcio. E’ un po’ come smettere di fumare, rinunciare alle prime è difficile, poi, piano, piano ci si abitua e si scopre che senza si sta meglio. Quando si capisce che il calcio, almeno quello delle serie maggiori, è uguale al circo, con l’unica differenza che gli attori sono uomini e non animali, non ci si arrabbia più a vedere giocare Veretout da mediano, lui che l’anno scorso ha giocato un superbo campionato da mezzala.

1 Commento

  1. Il calcio professionistico è almeno dagli anni 70 che non è uno sport, ma uno spettacolo, basato su delle persone che sanno praticare veramente bene uno sport, ma soprattutto su centinaia di migliaia di persone che si appassionano a guardarlo, a commentarlo, a scriverlo, a criticarlo. Più aumenta questa seconda componente, più aumenta l’effetto circo. Di Pioli e di Simeone ce n’è stati veramente tanti di peggiori anche in passato, direi di impresentabili e se ne trovano molti anche oggi in giro. Aumenta semmai il disincanto del ragazzo che era in noi e su questo possiamo farci poco.
    Detto questo, Firenze, i suoi tifosi, ma direi tutto il movimento italiano del calcio farebbe bene a tenersi stretta questa Fiorentina e questa società.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.