Dall’inferno al… purgatorio

Pioli ha usato i primi 45 minuti della gara contro il Sassuolo per darsi e dare ai tifosi alcune risposte importanti. Prima di tutto, si è capito la differenza fra un giocatore di serie A (Simeone) ed uno della primavera (Vlahovic). Si è capito poi che questo Pjaca non serve alla Fiorentina. Sempre nascosto dietro il terzino, sempre fuori dal gioco, ancora molto lento e con poche idee. Attenzione, per me non è una bocciatura definitiva per il croato, però la Fiorentina in questo momento non può aspettare. Tantomeno è una bocciatura per Vlahovic, ma il ragazzo non è proprio pronto per prendersi da solo l’attacco viola sulle spalle. Magari se arriveranno momenti meno tesi, a me piacerebbe vederlo in coppia con Simeone. Per Pioli c’è voluto ancora qualche decina di minuti in più per capire che anche questo Gerson è un lusso per la Fiorentina. Non proprio adatto per fare la mezzala, non proprio adatto per fare l’ala, difficile essere determinante, per di più con un destro che usa a mala pena per camminare. Nonostante tutto questo il primo tempo la Fiorentina ha controllato bene la gara, avendo anche un paio di buone occasioni (una appunto sul destro di Gerson), senza rischiare più di tanto. Nella ripresa il Sassuolo ha aumentato il suo ritmo ed il suo pressing a tutto campo, schiacciando i viola. C’è voluta però un’altra uscita di pugno “svirgolata” (come con la Roma) di Lafont per far passare in vantaggio il Sassuolo. La Fiorentina sostituendo i tre di cui sopra stava trovando la sua quadratura e la sua incisività, ma un pasticcio sulla destra ha aperto una voragine, che ha mandato il Sassuolo al raddoppio con il nostro caro Babacar.

Poteva essere il KO definitivo, poteva essere la mazzata che ci spediva nell’inferno di polemiche e che ci spingeva davvero verso una zona di classifica insidiosa, non tanto per i punti, quanto per lo stato d’animo con cui saremmo andati verso il derby. Ma dopo il 2 a 0 è iniziato una nuova gara, quella della rabbia viola. La Fiorentina ha inziato a giocare e a spingere in modo tambureggiante. Peccato, che dopo il gol di Simeone, sia venuta meno la lucidità concedendo (tipo Frosinone) a Sensi di prendere la mira, caricare e calciare dai 25 metri. Certo anche qui Lafont… Ma sul portiere non voglio dire altro. E’ giovane, deve capire, deve crescere, perché ovviamente le potenzialità ci sono. Poi il 3 a 2 del solito Benassi… poi l’azione di Pezzella che ha ricordato il Cannavaro di Berlino, arrivando però addirittura all’assist per un bel gol di Mirallas. Questo gol in extremis ci ha riportato dall’inferno… al purgatorio. Già, perché oggi oltre a Della Valle anche i calciatori sono stati presi di mira dai tifosi. Ci sta, però non è certo ora il momento di mollare. Proprio in questi giorni Prandelli ha ricordato il 3 a 3 a Genova del 2009. Stessa dinamica, stesso risultato di oggi. Spero solo sia di buon augurio. Certo è che il tempo delle verifiche è finito, ora per Pioli è arrivato quello delle scelte anche pesanti.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.