Lezione di giornata

Come accade spesso nel campionato di serie A quando si arriva alle porte della primavera, alla 28-esima giornata è arrivata una lezione di calcio giocato. Per vincere non basta tecnica e tattica, occorre avere sempre la giusta determinazione e motivazione. La prima a farne le spese è stata proprio la Fiorentina. E’ capitato anche alla Juve, anche se la sua è una sconfitta indolore. E’ capitato però anche a Torino ed in parte anche all’Atalanta, che pur essendo in piena corsa Europa, hanno perso punti preziosi con due squadre in lotta per la salvezza. Chi deve meditare di più sulla lezione di giornata è però proprio la Fiorentina. Avere un atteggiamento “approssimativo”, a 12 giornate dalla fine, con ancora qualche speranza di andare in Europa è stato davvero un errore grave. Forse il peggiore da imputare al tecnico viola. Non si può scendere in campo a Cagliari con un Gerson che si guarda allo specchio. Con un Milenkovic che forse ha pensieri che lo distraggono. MEglio un Dabo, un Laurini, se giocano con la cattiveria con cui hanno giocato i sardi. Nonostante l’harakiri viola, ad 11 giornate dalla fine, la fiammella Uefa non si è completamente spenta, prioprio perché anche Atalanta e Torino si sono imbattuti nella motivazione e determinazione di Chievo e Bologna. Fra l’altro la Fiorentina in trasferta avrà una Juve che ha iniziato a regalare punti, una Roma sull’orlo della crisi di nervi, una Parma che sembra aver tirato i remi in barca. Su 11 gare, tre sono le partite in cui la Fiorentina troverà squadre motivate: Torino (in casa), Empoli (fuori) ed il Milan (in casa). Sarebbe davvero un peccato aver il rimpianto alla fine del campionato di 3/4 punti.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.