Ed un altro 10 se ne va…

Con il campionato fermo e le mille inutili voci di mercato, la notizia che più mi ha colpito è: “Marko Pjaca svuota l’armadietto e torna in Croazia”. E quindi, un altro numero 10 se ne va… e la maledizione continua. Avevo scritto un articolo 5 anni fa quando capimmo che Aquilani passatina2 non ci avrebbe incantato con quel numero sulle spalle. A seguire arrivò l’illusione Bernardeschi durata due anni, fino a svegliarci nell’estate del 2017 tutti sudati, con 40 milioni nelle casse (della Fiorentina) e tanta delusione per il triste epilogo. Neanche i tifosi più ottimisti hanno sperato di trovare in Valentin Eysseric l’idolo col 10 sulle spalle. E pur facendo l’anno successivo un downgrading al 7, non è bastato perché la sua esperienza viola finisse prematuramente. Quest’estate però era arrivato un nome forte: Marko Pjaca. Sfido a trovare un tifoso che l’estate scorsa non abbia iniziato a fantasticare sul futuro del ragazzo e del suo numero di maglietta. Niente da fare: inconstitente, impaurito, inutile… anche sfortunato. Fatto sta che a tre mesi dalla fine della stagione ha già fatto le valigie. Chissà se la numero 10 se l’è portata via, se l’ha lasciata li appesa in attesa del cavaliere senza macchia e senza paura o se magari l’ha bruciata. Fatto sta che forse la Fiorentina con un’azione ritardataria ma penso efficace, farebbe meglio a ritirarla, in onore di tanti numeri 10 che hanno fatto la storia di Firenze e del calcio, a partire ovviamente da Giancarlo Antognoni. Solo così, forse, facendola morire, non potrà più essere oltraggiata e potrà invece re-incarnarsi miracolosamente sulle spalle di qualche talento inaspettato ed oggi sconociuto.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.