La maledizione del 10 gigliato

SantiagoQualche anno dopo l’addio di Giancarlo e, precisamente, nel giorno in cui il Divin Codino decise di firmare per i gobbi, Roby apparve in sonno ad un promettente tifoso viola, allora ancora teenager, profetizzando la maledizione “non amerai altro 10 dopo di me…”. E’ da quel momento che il nostro promettente tifoso non trova pace e soddisfazione con giocatori, bravi, polli, belli e brutti che indossano la maglia gigliata con il 10 sulle spalle. Certo, questo tifoso c’ha messo molto del suo per rinnegare fino alla fine le qualità di un certo Rui Costa, ribattezzandolo per sicurezza Ricotta, mentre c’è voluto poco a mettere nel dimenticatoio gente come Maiellaro, Massimo Orlando e Stefano Fiore. E mentre Montolivo, alias Tontolivo, non c’ha nemmeno provato ad indossarla, il fenomeno Mutu alla fine c’ha fatto godere troppo poco per rompere l’incantesimo. Sono state provate invano anche terapie d’urto, avendo assegnato la mitica maglia a gente come Santiago Silva e il talento inesploso Ruben Olivera. L’arrivo del principino romano sembrava aver iniziato a risvegliare i sensi calcistici del nostro tifoso oggi ormai affermato, ma il giocatore non ha fatto molto per convincere lui (e molti altri tifosi ad esser sinceri) e ben presto è diventato “passatina n.2” (la prima ovviamente era Montolivo). Ad oltre 20 anni di distanza, quindi, la maledizione del 10 gigliato continua… e l’unica soluzione possibile sembra scalare di uno e concentrarci sull’11.

1 Commento

  1. Quest’articolo è spettacolare.

    Forse quel promettente tifoso sono io, di sicuro credo di rappresentare il sentimento di tutti i tifosi Fiorentini che da Baggio in poi sono orfani del 10.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.