Campionato finito

Grazie Joe Barone

Eccomi qua a commentare la fine col botto di un campionato anonimo, giusta conclusione di un triennio all’insegna del tanto fumo e poco arrosto.

Grazie Joe

Il mio primo pensiero su questo campionato 2023/24 è un pensiero triste ed è tutto rivolto a Joe Barone, che ci ha lasciato da qualche mese, e su cui non mi sono sentito di scrivere niente fino ad ora nonostante l’invito del Gatto. Joe era l’impersonificazione di Rocco a Firenze e trasmetteva la voglia di Rocco a tutta la società ACF Fiorentina. Il lavoro di Joe in cinque anni è stato splendido: ha “creato” la Fiorentina di Commisso, ha supervisionato la realizzazione del Viola Park, ci ha portato a giocare tre finali, avrebbe supervisionato anche lo stadio.

Saluti ad Italiano

Oso dire che finalmente Italiano lascia la panchina della Fiorentina. Ha fatto bene, le tre finali giocate in due anni sono anche merito suo, ma a me non ha lasciato nessun ricordo positivo. Quando si presentò disse “difendere bene, attaccare benissimo”, io non ho mai visto nè l’una, nè l’altra cosa. Soprattutto, non ho mai avuto la sensazione che la Fiorentina fosse padrona della partita, nemmeno con l’ultima in classifica. La cosa buffa è che in tre anni non abbiamo mai sentito dire a Italiano che aveva sbagliato qualcosa, cosa ci perdiamo! Spero solo che, ovunque vada, si porti dietro anche Ikoné.

La finale persa ad Atene

Qualche giorno prima scrissi a Davide “Guarda te lo dico ora, se gioca titolare Bonaventura si perde.” Poi, sbalorditivamente succede che la prima e più grossa occasione capita proprio sui piedi di Bonaventura che ciabatta il pallone. I segnali durante tutto l’anno erano stati inequivocabili, Bonaventura non regge più tutta la partita e, soprattutto, non regge se è costretto a giocare in una posizione troppo dispendiosa di energie e non regge se gioca contro una squadra che la mette sul fisico. Con questo non voglio dire che abbiamo perso la finale per colpa di Bonaventura, la finale l’abbiamo persa per colpa di Ranieri, così come l’anno scorso la perdemmo per colpa di Igor. Quest’anno però se ne va l’allenatore e (speriamo) non il difensore. A me rimane l’amarezza, che non avrà certo il nostro ex-allenatore, sul perché Beltran, l’attaccante più in forma, più voglioso, più tignoso, più esuberante, più entusiasta che abbiamo, abbia giocato solo 10 minuti, mentre Ikonè, il più molle, inutile, insulso calciatore visto a Firenze negli ultimi vent’anni (nemmeno Cerci) ne abbia giocati più di trenta.

La dirigenza

Parto dal presupposto che Commisso non abbia voglia di mollare nonostante la perdita di Barone e nonostante lo stadio. Però non posso che nutrire qualche dubbio sull’accoppiata Ferrari-Pradè. Ferrari quando era insieme a Barone mi è sempre piaciuto tanto ma non credo che abbia lo stesso carisma e la stessa grinta di Joe, riuscirà con il suo agire elegante ad ottenere risultati in quel mondo di squali che è il palazzo del calcio? Pradè ha in mano la più grossa occasione della sua vita, ci arriva con esperienza, con le spalle coperte, con la possibilità di scegliere allenatore e direttore tecnico. Sarà in grado di indovinarli tutti e due? Ancora qualche giorno e li conosceremo ufficialmente.

La rosa

Il portiere lo abbiamo, forse manca la riserva ma forse il prossimo allenatore non sarà così masochista da metterli in competizione ad ogni gara. I terzini li abbiamo, ci metto dentro anche Biraghi, mi accontento dei giovani che dovrebbero rientrare e semmai ne vorrei uno a sinistra un pò più difensivo. Ci manca un difensore centrale. A centrocampo la situazione è drammatica, con Italiano sono sparite tutte le mezzeali: Bonaventura è finito, Arthur e Duncan se ne andranno e nessuno si strapperà i capelli, Maxime Lopez lo stesso (a me dispiace, vorrei rivederlo dato che non dovrebbe costare tanto), Castrovilli probabilmente andrà via ma io lo terrei, Barak rimarrà e invece lo manderei via, Amrabat, che sarebbe utile, verrà definitivamente ceduto. Mandragora è l’unico centrocampista di oscuro affidamento ma non è possibile che se ne vada anche lui. In attacco chiaramente spero che Gonzalez rimanga, poi rimarrà Kouamè, Beltran, Nzola, Sottil. Spero con tutto il cuore che se ne vada Ikonè. Chiaramente la campagna acquisti verrà impostata non appena saranno ufficiali direttore tecnico e allenatore, di sicuro ricorreranno per tutta l’estate le invocazioni ad un centravanti da doppia cifra.

1 commento

  1. Ciao Simone, devo dire che sono abbastanza d’accordo con te, sulle considerazioni e sulle valutazioni. Aggiungo solo che vorrei che gli sforzi di mercato si concentrassero sul centravanti e che almeno 1 dei 2 arrivasse da uno di quei posti dove si gioca con la mente libera e un calcio antico dove la squadra gioca solo per lui che non aspetta altro che la palla per tirare in porta molto molto forte.

    Forza Viola

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.