Supermercato pareggi

Visto che la Fiorentina un punto non lo nega a nessuno, in questo supermercato pareggi facciamo un prendi due paghi uno come “Post-gara”. D’altra parte, questo ultimo quarto di campionato certo non ci da entusiasmo e sprint per correre alla tastiera a raccontare. Con il Torino è stata sicuramente una gara difficile, ma come è capitato spesso abbiamo avuto in più occasioni opportunità di farla nostra. Il senso del campionato della Fiorentina sta nei 15 pareggi, ha detto Pioli. Ma se la Fiorentina è un supermercato pareggi, un motivo ci sarà… anzi forse due. Infatti non abbiamo proprio giocatori da zero a zero, perché spesso segniamo e andiamo anche in vantaggio. Ma troviamo sempre il modo di riprenderlo il gol e soprattutto sono mancate le punte che oltre a segnare (poco a dir il vero), magari ri-segnano. E basta guardare la classifica cannonieri per capire la posizione dei viola in campionato. Con la Roma poi la cosa è stata ancora più palese. Avevamo davanti una squadra allo sbando, abbiamo avuto n occasioni per segnare, lo abbiamo fatto nel modo più strano possibile con un difensore ed un mezzo fantasma e ci siamo fatti riprendere due volte con un solo impeto di orgoglio della Roma.

Alla Fiorentina sta mancando fondamentalmente la continuità, perché alla fine ha dimostrato che sulla partita può giocarsela con (quasi) tutti. E’ sicuramente un problema di gioventù, visto che siamo comunque la squadra più giovane d’Europa. Penso però che il problema stia soprattutto nel flop di due “ipotetici” grandi acquisti, che sono ovviamente Pjaca, ma anche Gerson (seppur in prestito) e nella mancata riconferma di Simeone fra il gruppo titolare del primo anno Pioli. L’assenza dal campo di Pjaca, sommata alla disponibilità alterna di Mirallas, ha veramente stressato l’uso di Chiesa e dello stesso Simeone (fino a gennaio). L’assenza nel campo di Gerson, sommato alla non fiducia di Pioli a Norgaard e Dabo, ha letteralmente sfiancato un centrocampo ora a corto di energie (e a volte anche di idee). E forse c’è anche un problema allenatore.

Abbiamo però punti da cui ripartire, tipo il finale col Torino, dove la stavano per risolvere Vlahovic e Montiel, due 2000. Nonostante tutto, a me questa politica dei giovani della Fiorentina piace. E’ l’unica arma per ricreare una nostra identità, cercando di giocarcela con i più grandi partendo dai più giovani. D’altra parte sappiamo che questa politica non porta sempre a risultati certi. E visto che oggi stiamo ad elogiare l’Atalanta (che ha fatto proprio questa politica)… ricordiamoci quante volte negli ultimi 15 anni è stata sopra di noi. Secondo me il percorso è tracciato. Dobbiamo azzeccare quache scelta in più, a partire magari anche dal tecnico.

1 Commento

  1. Putroppo Pioli si sta avvitando su se stesso… Forse sarebbe bastato non avere Gerson in rosa quest’anno per ottenere di più. Invece Gerson c’è, gioca quasi sempre, e quasi sempre non compiccia niente. Però per i giornalisti è stato uno dei migliori… un gol su autogol e cambia tutto!
    Un altro che forse non dovevamo avere in rosa è lo scarpone d’oro Simeone, ma almeno lui si impegna sempre alla morte.

    A questo punto il campionato della Fiorentina ha da dire solo qualcosa sulla Coppa Italia ma giocheremo contro una squadra super in forma, super sponsorizzata, vedi il ministro che sponsorizza tutto, e contro un risultato che certo non ci aiuta.
    Sono certo che Pioli indovininerà la formazione giusta e aspetterà a giocare tutto il giocabile nell’ultima mezz’ora. Vai sicuro!!!

    Purtoppo Corvino come allenatori ha indovinato Prandelli e ha fallito con tutti gli altri e con Pioli rischia di toccare il fondo. Almeno Sinisa aveva una squadra proprio alla sbando…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.