Poteva andare peggio…

Poteva andare peggio… ed è successo. C’eravamo un po’ assuefatti ed anche appisolati con la serie (praticamente inutile) di pareggi, che non ci immaginavamo appunto che poteva andare peggio, tipo perdere in casa con il Frosinone, far aprire una crisi di governo viola, fino ad arrivare alle dimissioni di Pioli… evento più unico che raro nel mondo del calcio. Diciamo subito che questo gesto dimostra quanto abbiamo sempre sostenuto, ovvero che Pioli è uomo vero, come ce ne sono pochi in questo sport. Purtroppo questo non è bastato a nascondere i suoi limiti di tecnico e probabilmente neppure i limiti della squadra che allena e, alla fine, anche della società che lo paga(va).

Sulla partita di domenica c’è poco da dire, tanto è stato inguardabile l’atteggiamento dei ragazzi, quanto un po’ estemporanea l’impostazione tattica dell’allenatore. Tant’è che a fronte di un possesso palla nettamente a nostro favore, il Frosinone ha avuto davvero molte occasioni più di noi per vincere. Difficile capire l’ostinazione nell’avere Gerson fra i titolari, come d’altra parte è evidente la crisi fisica (e mentale?) di certi interpreti. Dicevamo dei limiti, che ci sono, su tutti i fronti. Però non siamo nella situazione dell’era Rossi, che ricordo fu allenatore voluto a furor di popolo dalla piazza viola. Non so se la società è stata spiazzata dalla mossa di Pioli. Certo è che ora, da Corvino fino ad Andrea Della Valle, i dirigenti viola non possono più nascondersi solo dietro le mosse del tecnico. C’è quindi prima di tutto da fare quadrato, trovando una gestione tecnica adeguata per non introdurre spettri in campionato, visto che ancora non siamo a quota 40, ma anche per andarsi a giocare un ritorno di coppa Italia, che comuqnue questa squadra ha meritato con prestazioni di qualità e di forte dedizione fisico/tattica. Si fa quadrato ritrovando prima di tutto una identità, di cui fino probabilmente a fine 2018 era stata garantita proprio dal tecnico viola. E l’identità si trova con la chiarezza, non necessariamente verso stampa e tifosi, ma annunciando e condividendo internamente l’idea della nuova Fiorentina. Si riparte quindi dagli uomini che ne faranno parte e dai giocatori che comunque danno segnali forti di non essere influenzati oggi da voci di mercato. La Fiorentina lo scorso anno ha avviato un percorso che in questo momento si è inceppato ma che secondo me sarebbe letale interrompere bruscamente. Abbiamo un valore potenziale alto, che può essere in parte capitalizzato, per introdurre nuovi giocatori per crescere. E su questo fronte un passaggio importante è sicuramente l’identificazione del tecnico per la prossima stagione, perché dal nome gli stessi giocatori potranno valutare le intenzioni di crescita dell’azienda.

Della Valle, Corvino e magari BIgica, se sarà chiamato, potranno oggi ottenere il massimo da questa squadra, solo se sapranno dare una chiara immagine della Fiorentina di domani.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.