Si salvi chi può

A tre giornate dalla fine del campionato la Fiorentina non è ancora matematicamente salva. Nonostante questo grave dato, da alcune settimane, troppe, nella Fiorentina è partito il “si salvi chi può”. Esonerato Pioli, piano piano sulla graticola sono finiti anche i direttori sportivi. Ma con il passare dei risultati negativi, anche gran parte dei calciatori sono stati messi sotto processo. Qualcuno forse non si è veramente mai sentito parte di questo gruppo; penso a Gerson, ma anche a giocatori come Norgaard, veramente poco utilizzato. Poi ci sono quelli del “mercato”. In primis Veretout, colpevole oggi anche di una assurda espulsione a partita finita. Ma non è il solo. Anche Biraghi e Milenkovic sembrano avere la testa veramente altrove. Ci sono poi i delusi della vecchia guarda, che pensavano di far parte di un piano e oggi non ne sono più sicuri. Mi riferisco a Benassi, sempre più contrariato e lo stesso Hugo. Ed anche Mirallas, che aveva iniziato bene il 2019, sembra essersi smarrito. Abbiamo poi Muriel, forse troppo sicuro di essere un punto fermo della nuova Fiorentina, ma che continua a giocare pericolosamente sul confine fra giocate da fuoriclasse e giocate inutili. Simeone sembra l’unico che vorrebbe salvarsi “in viola”, anche se anche la gara di oggi ha dimostrato che non è davvero la sua annata. Lafont sembra patire la concorrenza di Dragoswki più da avversario che da compagno. Fernandes continua invece ad essere molto piatto. Rimangono quindi Pezzella e Chiesa, il primo unico vero baluardo della squadra, il secondo sempre più solo nelle sorti realizzative viola. E mentre nel dopo Astori dello scorso anno lo spirito di squadra è stata la forza della Fiorentina, il “si salvi chi può” di quest’anno rischia addirittura di inguaiare i viola nella lotta salvezza. In tutto questo caos, c’è Montella che forse già rimpiange di essere arrivato troppo presto a Firenze e di perdere lui stesso la faccia in questa debacle di fine stagione. Oggi sicuramente la Fiorentina meritava almeno il pareggio, visto le numerose occasioni avute. Ma la squadra è fragile, e quando la condizione è questa, è molto facile perdere anche in modo immeritato. Ora diventa davvero importate fare prima possibile questo punto per mettere una pietra sopra questo campionato e poter pensare a mente libera alla prossima stagione. La società viola forse dovrà rivedere le cifre di qualche plusvalenza, ma è importante dare anche un messaggio duro e diretto verso quei giocatori che troppo presto hanno smesso di sentire il peso della maglia.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.