Fiducia nel prossimo

Ha cambiato atteggiamento anche Montella. Venerdì aveva detto che la Fiorentina un punto lo farà, anzi ne farà di più. Sabato sera ha detto che magari già ieri qualche risultato poteva salvare matematicamente la Fiorentina. Non è stato così, perché alla fine alla Samp bastava far segnare Quagliarella e all’Empoli serviva vincere e così è stato. Inutile arrabbiarsi ora per un campionato che già da diverse domeniche offre partite “non partite”. La verità è che siamo passati dalla fiducia nel prossimo turno, alla fiducia nel prossimo. Ed il prossimo nostro si chiamano prima di tutto Torino ed Inter, le avversarie dell’Empoli. E se l’Empoli dovesse battere anche i granata e noi perdere di nuovo a Parma, non ci rimarrebbe che rivolgersi a San Scanziani (in un dejavu’ dopo 40 anni che vede Fiorentina e Genoa all’ultima gara).

Certo, trovò un moto di orgoglio anche una squadra assurda nell’anno assurdo di Mihalovic-Delio Rossi, però con Guerini in panchina. Assurdo sarebbe davvero che la Fiorentina dovesse rinunciare al futuro con Montella, per garantirsi un futuro in serie A. Il problema è che questa squadra è completamente svuotata, prima dai troppi pareggi, poi dalle prime sconfitte, dall’esonero di Pioli, dalle voci di mercato, dalla sconfitta in coppa, dalle divisioni fra tifosi e società. Certo che oggi appare avventata la stessa decisione di chiamare subito Montella, ma onestamente chi avrebbe potuto prevedere tutto questo? Fatto sta che, non è banale trovare ora le forze per salvarsi “da soli”. Anche se in realtà sia a Empoli, che nel secondo tempo con il Milan non avremmo proprio meritato la sconfitta. Questo dimostra d’altra parte, che per lottare per la salvezza conta più la testa che la qualità. Lo scorso anno questa squadra riuscì a fare quadrato intorno ad una tragedia. Quest’anno le righe invece sono state sciolte troppo presto. Serve allora che qualcuno sappia guardare negli occhi questi ragazzi, per capire su chi contare per fare quadrato e prendersi prima possibile il punto che serve. Potrebbe essere Giancarlo Antognoni, che il 7 maggio 1978 era in campo contro il Genoa e più di tutti piò far capire cosa significa giocare quelle partite. Ma Montella dovrebbe farsi da parte e bruciarsi per il prossimo anno. E allora aspetteremo un’altra domenica, continuando ad avere fiducia nel prossimo.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.