Domani è un altro giorno

Non avevo avuto voglia né tempo per scrivere qualcosa dopo l’ennesima sconfitta contro il Parma. Un po’ perché i pensieri erano tanti. Delusione totale per la stagione, rabbia per un incastrarsi di risultati negativi, ma anche un po’ prevedibili. Amarezza anche per il clima da insurrezione calcistica della tifoseria contro la società. Al tempo stesso c’era poco da aggiungere. Era evidente che ancora di più la Fiorentina doveva avere fiducia nel prossimo (l’Inter nel caso specifico), perché le proprie forze mentali si sono rilevate prossime a zero. A partire da quelle di Montella, trovatosi in una situazione kafkiana.

E così abbiamo vissuto una partita da sala d’attesa. Già, Fiorentina e Genoa, la prima con le gambe tremanti e la testa vuota, la seconda con l’acqua alla gola, stavano li in campo in attesa di sapere se l’Empoli era ancora in vita o avrebbe ceduto. E se il Genoa poteva avere in corpo un po’ di birra per cambiare atteggiamento in corsa, dubito molto che ci sarebbe riuscita la Fiorentina.

Alla fine l’Empoli, immeritatamente, ha perso, salvando noi ed il Genoa. Mi dispiace molto per l’Empoli, perché è l’unico che comunque l’ha giocate tutte fino alla fine… ed anche bene. Condivido i fischi, anche liberatori, alla squadra viola, ma sono ovviamente molto contento dell’esito finale. Sinceramente io credevo ed ero attratto dal progetto giovani della Fiorentina. Ma questa stagione ha lacerato tutto. Ha annullato tutta la sinergia che si era creata fra tifoseria e giocatori. Ha messo tutta la rosa o quasi sul mercato. Ha sacrificato sull’altare Pioli e stava per finirci a strascico anche Montella. Ha forse creato lo strappo definitivo fra Firenze ed i Della Valle. C’è questo Commisso alla finestra, direi ormai alla porta. Vediamo se i Della Valle aprono davvero. La cosa mi spaventa molto, al di la della persona che non conosco, mi fido poco della tipologia di personaggio. Siamo sicuramente ad un nuovo anno zero, come nel 2002, come nel 2012. Siamo però in serie A, a casa nostra, nella nostra Tara… e domani è un altro giorno.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.