La Cenerentola e la Bella addormentata

Fare due reti in 4 minuti non capita spesso. E rendersi conto di aver mandato in piena confusione una squadra, che di fatto esprime oggettivamente una qualità tecnica sotto la media, doveva automaticamente condurre a un tranquillo pomeriggio, non dico di goleada, ma di tre punti certi. Non so se la Fiorentina dopo 5 minuti ha avuto la sensazione di giocare veramente contro la cenerentola. Gol su angolo di Pezzella di una facilità imbarazzante. Lirola che affonda sulla destra come lama nel burro per il raddoppio di Biraghi. Sta di fatto che la Fiorentina si è trasformata di nuovo nella Bella addormentata. Come e forse peggio di quanto accaduto due settimane fa con la Sampdoria. Due indizi non fanno una prova, ma iniziano a far preoccupare noi tifosi. Anche perché oggi bastava veramente rimanere un po’ concentrati nel giro palla, farsi sentire nei contrasti a centrocampo e piano piano sfruttare spazi e errori di pressing degli avversari, un po’ come accaduto subito dalla parte di Lirola nei due gol. Invece mentalmente dentro la partita c’è rimasto solo Amrabat. Bonaventura piano piano ha provato ad uscire dal guscio, ma sia lui, sia soprattutto Castrovilli hanno pensato soprattutto a lamentarsi con l’arbitro di qualche intervento rude degli avversari. Che alla fine hanno pareggiato proprio grazie al loro agonismo, alla voglia di arrivare prima sulla palla, alla voglia di mordere le caviglie dei viola. Perché nonostante questo, i gol alla fine glieli abbiamo regalati noi. Oltre all’atteggiamento da Bella addormentata (a proposito, altra leggerezza di Caceres), preoccupa anche l’idea di gioco della Fiorentina. Per me Amrabat è una versione ottimizzata (molto forse) di Behrami. Ha bisogno di dare con la corsa accelerazione al gioco, ma fatto dal basso rende prevedibile la Fiorentina. E soprattutto facilmente pressabile e attaccabile. Costringe quasi tutti a giocare con le spalle alla porta. E un 3-5-2 che rinuncia anche a qualche strappo sulla fascia alla Chiesa, rende tutto davvero sterile. Nonostante l’impegno si sia visto, continua a convincere poco anche Vlahovic. In questo momento, quello più pronto per fare a sportellate, correre e provare a segnare secondo me è Cutrone. Nella pratica, però, penso che tutte e tre le nostre punte avrebbero bisogno di giocare in coppia. Ma penso che questa idea non sia neppure nell’anticamera del cervello di Iachini. Che però qualcosa deve inventare, perché i valori di questo campionato non sono per niente chiari e inqadrati ed è bene quindi cambiare subito marcia.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.