E’ tempo della Cattedrale

Adesso che abbiamo tolto la Chiesa potremo costruire la Cattedrale.

E Commisso farà la stessa cosa con lo stadio, fuori il vecchio per costruire il nuovo: più grande, più bello, più funzionale.

La Cattedrale

Ma veramente Chiesa è un giocatore che vale 50 milioni + 10 di bonus? Il tempo ci dirà chi ha avuto ragione, per il momento la Fiorentina con quei soldi ha messo le basi per la Cattedrale, ha mantenuto il suo giocatore più forte, Milenkovic, ha rafforzato tutti i reparti, ha portato dentro garra, entusiasmo, intelligenza ed esperienza. Ha rafforzato le fascie, ha confermato di essere una società sana ed ambiziosa. Non ha preso il centravanti da 20 gol, ma ha dato fiducia a tre ragazzi di vent’anni. Siamo più forti dello scorso anno e questo basta per dare un giudizio positivo alla campagna acquisti.

Fiorentina – Sampdoria

Purtoppo abbiamo perso la partita, una partita dove il nostro capitano era alla sua ultima partita con noi, ma non un capitano alla Batistuta, un capitano mocciosetto figlio di papà che a vent’anni andrà a guadagnare cinque milioni all’anno per cinque anni. Sigh!

Peggiore in campo lui, il mocciosetto che finalmente si è levato di mezzo per fare posto alla Cattedrale, a mezzo servizio per tutta la partita, inesistente per lunghi tratti, si accende solo per fare qualche giochino. Non ha avuto nemmeno la dignità per rifiutare di indossare la fascia di capitano. Lui che era già campione quando era sempre in fasce ma al pollo ingordo schianto il gozzo.

Secondo peggiore in campo Ceccherini, perché non si può trattenere nessuno per la maglietta in area di rigore. Ma anche lui, onesto giocatore, è uomo da qualche partita all’anno e non tre di fila. E’ andato a Verona e gli auguro tanta fortuna perché si è comportato degnamente secondo le proprie potenzialità.

Al terzo posto tra i peggiori metto Caceres e Dragowski perché non si possono sbagliare i tempi come li hanno sbagliati loro, uno con il fuorigioco l’altro con la posizione. Ma a cosa pensavano? Per me al capitano indegno.

Partita più o meno sotto tono per gli altri, tutti più o meno hanno giocato per dovere di firma, proprio come se ci fosse qualcosa di negativo nell’aria: Castrovilli che ha provato a fare qualcosa in più senza trovare collaboratori, Bonaventura che è di un’altra categoria ma manca ancora di smalto, Biraghi che se deve costruire non vale niente, Vlahovic che ha fatto gol, ha lotticchiato, ma è troppo macchinoso. Kouamé che ha sbagliato il suo classico gol a partita. Si è visto in campo anche il fantasma di Saponara.

Il solito periodo speciale per Amrabat, che è l’acquisto più costoso e più atteso, che è stato criticato, lui e Iachini, per la posizione da regista. La Sampdoria ha giocato su di lui e lui si è trovato in difficoltà, diamogli tempo.

Migliore della partita è Milenkovic, che partirà l’anno prossimo se non faremo lo stadio.

P.S. La foto è Santa Croce, ancora più bella della Cattedrale.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.