Fiorentina senza fili

Ed ecco che nelle ore finali e infuocate del calciomercato arriva la prestazione che non speravi, ma che temevi fortemente. Una Fiorentina senza fili, che in effetti come ha detto Iachini sembrava essere partita con lo stesso piglio delle gare precedenti, ma che presto è diventata un burattino in mano alla Samp. Una Samp, invece, molto determinata, aggressiva e vogliosa di punti. Dopo qualche buona azione e un’ottima occasione per Kouamé invece i viola hanno perso completamente i riferimenti. Forse è bastata davvero quell’occasione del giovane ivoriano a innescare una psicologia di gara negativa: i giovani attaccanti non all’altezza, il sostituto difensore centrale (alias Ceccherini) inadeguato, Amrabat buono per spezzare il gioco, ma ancora senza ritmo e piede per fare il regista. Ad un certo punto è sembrato davvero che l’ombra nera del mercato si fosse fermata sopra il Franchi. Ha provato a fare qualcosa Bonaventura, a cui manca però ancora un po’ di smalto. Si è dannato molto Chiesa, forse l’unico ormai veramente libero di testa. Si era trovato in modo fortunoso anche il pareggio, con un Vlahovic che comunque ha saputo reagire alle critiche post-Inter. Ma la Samp era molto più presente in campo e nonostante nella ripresa fosse calata, ha trovato per due volte ancora la via del gol. Il palo di Chiesa all’ultimo secondo è stato poi il finale ad effetto di questa storia.

Spero davvero che in questi 3 giorni Pradè & Co trovino la quadra giusta fra partenze e arrivi. Per quanto riguarda le punte, il problema dei nostri ragazzi non è quello di non segnare, quanto quello di non saper giocare, per ora, con le spalle alla porta. Importante è portare a Iachini dei nomi in grado di poter sfruttare al meglio i giocatori già viola più rappresentativi, in particolare Amrabat, Castrovilli, Bonanventura e ovviamente Ribery. E a proposito del francese, ovviamente si è sentita la sua mancanza. Spero però davvero che questa Fiorentina senza fili non sia dovuta alla sua mancanza.

3 Commenti

  1. Ciao a tutti ragazzi e, prima di tutto, Forza Viola!

    In questa giornata epocale voglio scrivere qualcosa sul vostro (ma un po’ di tutti noi) sito, il sito di quelli che “tifano Fiorentina”.

    Oggi se ne andrà Chiesa, giocatore promettente e incompleto e uomo un po’ deludente, e la Fiorentina è reduce da un sconfitta dolorosa e fastidiosa.
    Un sconfitta che ha delle ragioni ben chiare che i veri appassionati di calcio (quello del campo non quello dei giornali) capiscono e intuiscono: affronti in casa con obbligo di vincere una squadra già all’ultima spiaggia che non ti concederà nulla, la differenza di valori sulla carta non è poi così grande e la affronti senza i tuoi uomini migliori sia per classe che per esperienza. E con il mercato aperto che ti coinvolge pesantemente.

    La squadra giovane e immatura in questi casi sbaglia gol e commette ingenuità imperdonabili: e puntualmente è accaduto.

    Quello che non accetto è che “gli avvoltoi mediatici” approfittino del primo vero passo falso per criticare l’incolpevole Iachini, piccati dal silenzio cui sono stati costretti dopo il rendimento della squadra dell’anno scorso che smentiva decisamente i giudizi sommari (o somari?) e spocchiosi espressi al suo arrivo.

    E qualche avvoltoio si è pure spinto a criticare Commisso, criticandolo perchè dice la verità sulla relazione tra bilanci della società e la potenzialità della squadra in campo: “pensi a spendere per la squadra, perchè se perde non è colpa dello stadio vecchio”. Geniale, vero?

    Io invece dico che criticare, OGGI, Iachini è da incompetenti e da vigliacchi (su Commisso nemmeno mi esprimo).
    Iachini è un “uomo di campo” che con tutte le difficoltà che elencavo prima, soprattutto a causa del mercato e della rosa incompleta, sta cercando di “costruire” un squadra con un gioco e una personalità ben definita. Lavoro duro e obbiettivo difficoltoso da raggiungere anche in ben altri lidi con maggiori budget e alti livelli qualitativi.
    Io sono convinto che ce la farà, ma in ogni caso giudicarlo dopo 3 partite è ignobile, soprattutto se non lo si fa con onestà intellettuale ma con malizia.

    Già, ma che parlo a fare, questo mondo è così.
    Non mi rimane che guardarmi le partite senza volume e gridare Forza Viola, Forza Commisso e Forza Iachini.

    Un abbraccio
    Fabrizio “Gatto reggiano” … e gattaccio viola

  2. Gattaccio!!!!!! E’ un enorme piacere rivedere i tuoi commenti su questo blog. E come al solito, commenti non per piacere a tutti 🙂
    Entrando nel merito, concordo sul fatto che non si può adesso dare addosso a Iachini e tantomeno alla società. Non possiamo neppure esimerci da segnalare errori di percorso. COme scritto nei post precedenti, Iachini ha fatto due partite (Torino e Inter) di gran livello, ma secondo me ha letto male gli ultimi 20 minuti di gara a San Siro (pur con l’attenuante della diversa panchina delle due squadre). LA partita con la Samp invece l’hai inquadrata in modo corretto te. Qualche errore inevitabile lo sta commettendo anche la proprietà, per certi versi ancora matricola in questo mondo di iene. Basta vedere la faccia con cui Agnellone si è presentato ieri sera davanti alle telecamere.
    Vediamo adesso come si chiude questo mercato. L’importante è che in qualche modo Iachini sia stato ascoltato. Altrimenti tutto diventa più difficile. Sulla carta direi “che non l’è tutto da rifare”.

    A presto!!

  3. Gattaccio!!! Che piacere sentirti!

    Oltre che condividere quello che dice Davide devo dire che condivido anche quello che dici te… o che segno sarà??? 🙂

    Su Commisso, Chiesa e l’ultima partita risponderò nel post che sto per pubblicare. Su Iachini rispondo ora… Fatelo lavorare!

    Non lo vedo un super allenatore, non mi sembra che abbia dato un gran gioco alla Fiorentina e quindi non mi entusiasma, ma lasciatelo lavorare perché è uomo di campo e perché è naturale dare tempo agli allenatori.

    Con la Sampdoria la partita era troppo strana: Chiesa capitano in partenza, il solito gol sbagliato all’inizio, tutto annegato nelle insistenti voci di mercato su tutto e tutti. Come si può giocare concentrati? Finalmente il mercato è finito e si comincia a fare sul serio. La palla è in mano a Beppe e Beppe deve avere una stagione libera di gioco, farà le sue scelte, farà i suoi errori.

    I gol facili li sbaglia anche Dzeko (vedi partita con la Juve), Mario Gomez ne sbaglio tantissimi da noi e tanti altri ne verranno sbagliati.

    L’importante è che la Fiorentina giochi concentrata come ha fatto contro contro il Torino, contro l’Inter e anche per dei tratti contro la Sampdoria.

    Alla fine del campionato giudicheremo.

    Gatto fatti sentire più spesso… ne vedremo delle belle!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.