Avanti in equilibrio precario

La Fiorentina batte l’Udinese, fa respirare la propria classifica e tiene Iachini in piedi. Però si va avanti in equilibrio precario. Anche stasera il film della gara dei viola ha rischiato di averi toni grotteschi. Ancora una volta la Fiorentina senza troppi sforzi si è trovata con il doppio vantaggio, stasera per ben due volte. Ma c’è stato da soffrire fino all’ultimo minuto, perché la Fiorentina ha concesso all’Udinese di rientrare in partita e di mettere in affanno la nostra difesa. E meno male che Dragowski sta crescendo. Personalmente ho avuto su più fronti questa sensazione di equilibrio precario. Prima di tutto sul gioco e sulla tenuta in campo. Non so se si gioca con troppe mezzale e mezze punte, però non appena l’avversario alza il ritmo, c’è questa sensazione di poter prendere gol in ogni momento. C’è da dire che poi i gol si prendono quando manca capitan Pezzella. Forse c’è in questo momento paura e poca personalità. Però c’è anche la sensazione di un pressing fatto con poca convizione ed in modo disordinato. E un centrocampo che si schiaccia e concede diverse praterie. Insomma, un modulo (una specie di 3-5-2) con cui sembra che la nostra mediana perdi spesso le distanze ed anche un po’ le consegne. A questo proposito, sono certo meritati gli elogi al nostro 10 Castrovilli. Soprattutto perché è stato determinante e perché sta davvero migliorando nel suo modo di riempire l’area di rigore. Però secondo me nello sviluppo del gioco e nel controllo della gara, ancora si fa poco sentire. Così come Bonaventura. Al contrario, Amrabat è un vero lottatore e mette sempre a dispozione la sua forza e la sua qualità. Però ancora non riesco a vederci passo e atteggiamento del regista. “Si vede da come imposta il corpo che non è suo ruolo” ha detto giustamente un commentatore Sky. Un centrocampo traballante rende anche la difesa traballante. Alla parte tattica si aggiungono atteggiamenti un po’ polemici, da quello di Castrovilli dopo la sua segnatura, ad un Bonaventura che esce stanco e un po’ polemico, a Ribery che scuote la testa in tribua. Non mi è piaciuto per niente, inoltre, il modo con cui Kouamé è entrato in campo… quasi peggio di Vlahovic a Milano. Non è quasi mai riuscito a tenere palla per far salire la squadra e peggio ancora ha rincorso gli avversari per due metri e mezzo. Non so con chi si sia arrabbiato Biraghi sul secondo gol di Okaka, ma penso che Kouamé possa essere un candidato. Benino invece sugli esterni, con Lirola in crescita e la conferma di Biraghi. Sta invece venendo fuori il problema attacco. Come già detto, nessuno dei tre sa giocare spalle alla porta. Ieri sera ho visto un po’ di Juve-Verona… il nostro vecchio Kalinic si tirava dietro mezza difesa della Juve, e prendeva la palla o prendeva la punizione… e il Verona saliva su. Sono convinto che la Fiorentina abbia fallito sul mercato non tanto per il mancato acquisto di una punta di diamante, ma una punta di esperienza che quando serve sappia fare questo gioco… e nel calcio di oggi serve sempre più spesso. Ed ovviamente Callejon non può fare la seconda punta nel 3-5-2. Andiamo avanti quindi con questo equilibrio precario, con la sensazione di avere una buona rosa di giocatori, ma dove molti non riescono a esprimersi al meglio. Non è detto che sia tutta colpa di Iachini, però è certo che il problema è lui che deve risolverlo.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.