Alla meno

Anche in Coppa Italia, in una partita che non doveva avere storia, la Fiorentina vince ma soffre enormemente fino alla fine. Cambiano gli interpreti, cambia ovviamente anche il peso dell’avversario. Rimangono costanti il modulo e soprattutto l’atteggiamento in campo. Sembra davvero che in questo periodo la Fiorentina stia giocando alla meno. Trovato in tempi rapidi il gol, fatta qualche buona azione, trovato in modo fortunoso il raddoppio, con il passare dei minuti la squadra si ritira, perde la voglia di essere incisiva, concede completamente all’avversario il pallino del gioco. E questo è accaduto indipendentemente dal valore dell’avversario. E’ evidente che non è un problema fisico, non è neppure un problema di qualità tecnica propria e degli avversari. Questo giocare alla meno sembra piuttosto dovuto ad una diffusa insicurezza, che può avere diverse motivazioni. Sicuramente questa squadra non ha una identità di gioco ben definita. E questo sicuramente è una parte importante del problema. C’è un momento in cui la qualità di alcuni giocatori, la capacità di applicare alcuni concetti di gioco, che passano prevalentemente dalle fasce, consentono ai viola di giocare con una certa personalità. Passato questa fase, la Fiorentina non ha la forza di gestire la partita rifacendosi a idee di gioco corali consolidate. E’ vero che quest’anno non c’è stato il ritiro e che alcuni giocatori sono arrivati tardi. Però nella sostanza, la Fiorentina non ha cambiato molto e quindi inizia ad essere poco giustificabile questa mancanza di identitità. Sulla partita c’è poco da aggiungere. Buona la risposta positiva di Venuti. Terracciano un secondo di assoluto affidamento. E c’è da dire che, con i suoi pregi e i suoi limiti, Pulgar è molto più regista di Amrabat. C’è invece caos sul reparto offensivo. Anche il turn over sembra più orientato a trovare il peggiore che viceversa. Probabilmente è un modo per non mettere nessuno sulla graticola, anche perché la colpa non è certo tutta loro. Forse solo un cambio di modulo può cambiare inerzia a questa stagione, che rischia di essere grigia come quella passata. Il cambio di modulo presuppone però scelte ed esclusioni importanti. Vediamo cosa ne pensa Iachini.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.