Cosa c’entreremmo noi

Penso che alla fine del primo tempo di Benevento-Fiorentina, molti tifosi viola, magari dentro di se, si sono domandati: cosa c’entreremmo noi con queste sfide salvezza? La superiorità è stata netta. Il livello di alcuni giocatori, a partire da Vlahovic che ha messo a segno una tripletta da vero bomber, sembra davvero di un’altra categoria rispetto ai campani. Per non parlare ovviamente di Ribery. Poi arriva la prima mezzora del secondo tempo e capisci cosa c’entriamo noi. Riusciamo ad andare in difficoltà con chiunque, riusciamo a farci surclassare fisicamente, sulle seconde palle, ma anche sulla tecnica individuale. Se dopo il primo gol del Benevento, Giacomelli avesse concesso rigore sulla mano di Caceres (decisione giusta, ma non scontata) o se Dragowski non si opponeva bene al tiro ravvicinato di Caprari (che aveva saltato tutti come birilli) non possiamo sapere che partita sarebbe diventata.

Per fortuna le cose sono andare diversamente e la vittoria ovviamente è strameritata. Ma partiamo dall’inizio. Avevo detto che in generale ci volevano scelte coraggiose. La società ha confermato Prandelli e Prandelli le ha fatto. Ha confermato il 3-4-2-1 che alla fine da il maggiore equilibrio fra fase difensiva e fase offensiva. Ha addirittura schierato Eysseric come mediano. E la notizia del giorno è che Eysseric ha giocato una buona partita da interno. Altra scelta coraggiosa è stata quella di passare al 4-4-2 quando la fiorentina è andata in difficoltà nella ripresa. Sicuramente, la coppia Ribery-Bonoventura sulla tre quarti diventa un ottimo supporto per Vlahovic. Il serbo ha segnato in tutti i modi, su azione manovrata, di rapina, con gran gol da fuoriarea e ovviamente da oggi sarà ancora di più osservato speciale di molte società. Eysseric come detto, ha interpretato bene il ruolo di interno, sacrifincandosi molto, ma sapendo anche inserirsi. E il gol è stata la ciliegina, che ha di fatto chiuso una gara, che doveva esserlo già alla fine del primo tempo. Nota negativa riguarda putroppo Pezzella, che perfino nel primo tempo innocuo del Benevento è riuscito a regalare una palla gol. E sembra che nei momenti di difficoltà, trasmetta a tutti la sua insicurezza.

Con i risultati di questa giornata, la Fiorentina si riporta ad una distanza minima di sicurezza dalla zona rossa, che ovviamente non ci deve far stare tranquilli, anche perché il nostro calendario non è dei migliori. Vedremo nei prossimi giorni se le esclusioni di Castrovilli, Biraghi e Amrabat sono state solo per infortunio. Vedremo soprattutto se Prandelli insisterà su queste idee di gioco, che sono quelle fino ad ora più convincenti (come secondo tempo con lo Spezia). Dovremo vedere se funzionano anche con squadre di altro livello. Per finire due parole su Vlahovic. Spero sia veramente maturo come dimostra e capisca che Firenze può essere ambiente ideale, anche e specialmente se gli sarà affiancato una punta con maggiore esperienza. Due sono sicuramente le cose in cui deve migliorare. Il colpo di testa. E in area di rigore i gol (specie quelli sporchi) li deve fare anche di destro, come gli è capitato ieri nella ripresa. Ha voluto fare un altro dribling e segnare di sinistro, ma è stato ribattuto. Se tirava la ciabattata di destro avrebbe preso tutti sul tempo e probabilmente segnato. Ha molto tempo per imparare e Firenze curiosa di aspettare.

2 Commenti

  1. Ho visto poca partita e concordo pienamente con Davide, se fossimo andati sul 2-3 chissà che sarebbe successo.
    Perché, se Prandelli è almeno riuscito a dare una parvenza di gioco al gioco della Fiorentina, non è riuscito a dare niente sull’aspetto sicurezza difensiva (non c’era riuscito nemmeno ai bei tempi). Quindi la Fiorentina a volte va in bambola e nessuno dei giocatori in campo riesce a trasmettere grinta, sicurezza e calma. Mi ero un po’ illuso con Amrabat, che mi piace sempre quando c’è da difendere e picchiare, ma è un oggetto un po’ isolato dagli altri.

    Su Vlahovic andiamoci sempre con calma, tecnicamente vale sempre poco ed ha un solo piede. E poi vediamo se riusciamo a farlo rinnovare: lui e Milenkovic basi per il futuro.

    Pezzella e Biraghi fuori dalle scatole.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.