Buttata via

Al 51° della ripresa, dopo il gol di Ribery e i festeggiamenti dei viola, le telecamere hanno fatto una panoramica sulle facce dei giocatori del Milan. Faccia stanca e demoralizzata di Ibra. Faccia dolorante di Kessie. Un po’ di scoramento su tutti. E’ vero che mancava mezzora, ma sembrava davvero il momento determinante della gara, considerando che la Fiorentina stava giocando bene e il Milan veniva dalla trasferta dura e negativa di 3 giorni fa, con assenze importanti. Qui probabilmente Prandelli doveva mettere in cassaforte la gara. Qui ancora una volta è venuta fuori la coperta corta. Qui, secondo me, l’abbiamo buttata via. Non so cosa sia successo con Amrabat. Così come non mi spiego molto la partenza di Duncan. Il problema è che, dopo aver mandato via gli scontenti, sembra che in rosa ce ne sia ancora qualcuno. E a conti fatti, Prandelli gioca ormai con 13/14 uomini di fiducia. Però già era stata coraggiosa la scelta di mettere Eysseric dalla parte di Theo Hernandez e Bonaventura in mediana. E’ evidente che era il momento di mettere grinta in mezzo al campo e corsa sulla fascia destra. Invece ci siamo ritirati. Abbiamo iniziato a perdere il centrocampo ed avere il piedino timoroso dietro. E con un po’ di sfortuna, abbiamo subito il pareggio con un assist di schiena. E poi un buco sempre sulla mediana, ed ecco la frittata. E purtroppo, anche questa volta, provando a mettere nuova benzina per riprendere la gara, invece di accelerare, il gioco si è ingolfato. Kouamé e Callejon non riescono davvero ad essere incisivi.

E’ una sconfitta che brucia, perché la Fiorentina ha tenuto bene il campo, ha messo in difficoltà il Milan, più di quanto forse lo abbiano fatto i rossoneri con noi. E non siamo ancora nelle condizioni di regalare punti. Hanno giocato sicuramente gli aspetti detti sopra. Hanno inciso anche altri fattori, tipo qualche sbavatura di Quarta e, purtroppo, la sempre maggiore insicurezza di Pezzella. L’idea di 4-4-2 messa in campo da Prandelli non è male. Servirebbe però un centrale più veloce di Pezzella. E Castrovilli e soprattutto Eysseric (che comunque non ha demeritato) sono molto adattati a giocare esterni di centrocampo e come visto con le grandi alla fine paghiamo questa cosa.

Vediamo se Prandelli comunque continuerà su questa strada. Oltre alla classifica, preoccupa un po’ anche lo stato nervoso del mister. Sembra che abbia completamente sulle spalle il peso di questo finale di campionato. Forse perché Pradé è già fuori. O forse perché è dentro e non si vuole macchiare ulteriormente. E’ ormai un dato di fatto che i punti salvezza dobbiamo andarli a cercare negli scontri diretti fuori casa.

1 Commento

  1. Per prima cosa vorrei dire: bello il 4-4-2!
    Quanto tempo era che l’aspettavo e quanto mi sono divertito a vederlo. Come me si sono divertiti anche tutti i tifosi della Fiorentina, perché per un’ora, fino a quando abbiamo retto fisicamente, c’è stata una sola squadra in campo che si sarebbe meritata anche più di un gol di scarto. L’1-0 era da annullare.

    Nella prima ora abbiamo visto quanto ci sia di differenza tra un allenatore che fa giocare la squadra, Prandelli, e uno che punta tutto su aggressività e ripartenze, Pioli.
    Nonostante Eysseric, Pezzella e un Bonaventura ormai finito, abbiamo nettamente sovrastato il Milan.

    Il calcio è un gioco semplice ma le partite durano un’ora e mezzo e nella restante mezz’ora abbiamo visto il rovescio delle medaglia: Prandelli è un permaloso e non sa leggere le partite, lo sapevamo, ma non immaginavamo fino al punto di avere il coraggio di tirare via Castrovilli per mettere in campo Venuti. Ma sopratutto di non mettere in campo Amrabat, l’unico adatto a tirare due legnate per congelare la partita.

    Il resto lo ha detto Davide.

    Rimango in trepidante attesa di una decina di altri punti il prima possibile, confidando nella voglia di tutti di rimanere in A e poi non vedo l’ora di conoscere il nome del nuovo allenatore.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.