Niente Rubicone

Prandelli Rubicone

Purtoppo nemmeno questa volta è stato passato il Rubicone. L’altra volta, oltre dieci anni fa, ci eravamo fermati a Monaco. Questa volta molto, molto più vicini a Firenze.

Cesare Prandelli ci ha fatto vedere in pochi mesi che è ancora possibile mettere in campo una squadra che gioca a calcio, che propone gioco e non solo aggressività e ripartenze, che non fa dell’aspetto fisico l’unica leva per arrivare al risultato.

Purtroppo tutto ciò non è bastato a salvare noi (non ancora!), né lui. Anzi, lui, probabilmente, è messo peggio di noi.

Caro Cesare ci dispiace immensamente e ti auguriamo una lunghissima fase da pensionato di lusso, semmai, se proprio ti volessi riavvicinare a Firenze e al calcio, il ruolo più indicato potrebbe essere quello di vice presidente della Fiorentina, con l’incarico di rappresentarla in tutte le sedi istituzionali e di prendere parte alla pianificazione strategica, alla scelta dei giocatori e dei giovani.

Riguardo a noi, alla Fiorentina, muoviamoci ad arrivare prima possibile alla quota salvezza e poi scegliamo un nuovo allenatore (Sarri!). Con la speranza che la società abbia la voglia e le risorse per confermare: Milenkovic, Castrovilli, Vlahovic.

2 Commenti

  1. D’accordo su (quasi) tutto anche io, Simone.
    Sottoscrivo.
    L’unico piccolo appunto riguarda il fatto che ho ancora molti dubbi, che spero siano fugati al più presto, su quale sia il vero obbiettivo della società Fiorentina.
    Da tifosi-sportivi noi sappiamo dove vogliamo, o almeno possiamo, stare nella geografia del calcio italiano (e non).
    Sappiamo che se la società avesse le risorse e la volontà per investire la tifoseria risponderebbe in massa senza riserve con la passione che ben poche tifoserie possono vantare di avere.
    Sappiamo altresì che se la società ci chiedesse di pazientare sui risultati e di ricominciare investendo sui giovani e su un allenatore emergente avremmo gli attributi sufficienti per saper resistere, come abbiamo fatto molte volte in passato.
    Quello su cui il tifoso fiorentino non transige (più) è sul fatto di vedere finalmente una pianificazione seria e il raziocinio che ci porti finalmente una squadra che giochi sempre con il cuore, con ambizione e non presunzione, con tutta la qualità che possiamo permetterci, perchè si può trovare qualità anche in una squadra giovane e con un allenatore emergente che ha delle idee.

    Tutto questo per dire che, ben venga il necessario ripulisti, e se si può ben venga Sarri, o De Zerbi o magari anche Allegri (Spalletti invece no, grazie), scelte poi che necessariamente passano da investimenti su giocatori di un certo livello, ovviamente. Ben vengano.
    Ma la cosa più importante è che si faccia un ripulisti nelle idee, che la società si le chiarisca, si faccia un progetto che preveda obbiettivi a breve, a medio e a lungo termine, che si prendano persone di qualità nei ruoli cardine (leggi soprattutto D.S.) che sappiano realizzare questi obbiettivi e poi tutto il resto verrà da se.
    Che si tratti di Sarri o che si tratti di Semplici o addirittura che si decida di investire su un super-emergente che sbaragli la scena, come un allenatore di Fucecchio di cui mi sono innamorato recentemente seguendo la mia (seconda… prima… altra) fede, la Reggiana, cioè Massimiliano Alvini, sono sicuro che la scelta sarebbe comunque azzeccata, perchè se le idee sono forti e convinte, tutto funziona a meraviglia e l’ambiente rema dalla stessa parte.
    E i tifosi ci saranno, sempre e comunque.

    Quello che non va ora, aldilà dei risultati, aldilà delle valutazioni errate di Pradè, è che in assenza di idee l’unica chiave di lettura che emerge e dà un senso (non- , in verità) è quello si vede in questa statistica dei compensi degli agenti sportivi divisi per squadra (https://media-foto.tccstatic.com/storage/album/thumb1/c7f4da09d2c5cbb236391aa74554bf94-04480-1617174948.jpeg): il fatto che la Fiorentina, una squadra in zona retrocessione, risulti al 5° posto per emolumenti pagati evidenzia ovviamente la cattiva gestione societaria sportiva (e nel 2019 la situazione era solo leggermente migliore, ma sempre sproporzionata).

    E che non ci si giustifichi con la ragione del “sistema calcio attuale”, perchè il calcio-business dell’anno 202x ti obbliga a sottostare a certe dinamiche di gestione e giustifica l’esistenza di questo emolumento, ma che questo sia così sproporzionato rispetto al risultato, sportivo ed economico, della squadra e della società dipende senz’altro dalla capacità.

    Speriamo davvero che qualcuno raddrizzi la barca, imparata la lezione. E vedrà che i tifosi saranno li a remare senza curarsi del fatto che si debba attraversare un laghetto o un oceano.

    Forza Viola
    Il vostro Gattaccio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.