Bicchiere mezzo pieno

Il pareggio contro il Genoa alla fine della 29-esima giornata dobbiamo prenderlo come un bicchiere mezzo pieno. Prima di tutto perché abbiamo comunque guadagnato un punto sul Cagliari (terz’ultimo), portando ad 8 le lunghezze di distanza. E a 9 giornate dalla fine sono un tesoretto da tenerne di conto. Ma anche perché, dopo aver pareggiato meritamente e aver preso anche in mano il pallino del gioco, l’espulsione sciagurata di Ribery ci ha fatto giocare per oltre mezzora con un uomo in meno. Abbiamo un po’ sofferto, ma tutto sommato retto abbastanza bene. Purtroppo abbiamo avuto anche la conferma definitiva che l’altra parte del bicchiere è mezzo incrinato. Ovvero per quest’anno non ci sarà un bicchiere pieno per la Fiorentina. Saranno ancora 9 partite in sofferenza, sperando di arrivare prima possibile alla salvezza. Fino alla partita con lo Spezia ho sperato in una piccola svolta, in qualcosa che rendesse un po’ merito agli ingaggi che Commisso garantisce a questa rosa. Siamo però assortiti veramente male, senza fra l’altro veri ricambi. Tutto sommato bravi ragazzi, che forse stanno veramente dando tutto quello che hanno… ma che non basta per fare una squadra di carattere.

Inizia ad avere anche poco senso ripetere i problemi che ormai sono difetti cronici. In un 3-5-2, gli esterni devono mettere qualità e sostanza e i nostri hanno poco di entrambe le cose. Pezzella, Milenkovic, Quarta sulla carta sono difensori di qualità. Ma nell’insieme creano sempre qualche sbavatura. Castrovilli e Bonaventura sono buoni giocatori, uno di prospettiva, l’altro ormai nell’ultima fase della carriera. E Pulgar/Amrabat certo non da buttare. Ma il nostro centrocampo difficilmente riesce ad imporsi, ad avere un’idea di gioco ben precisa. Ribery è un fioriclasse. Ma non ha più senso aspettare che batta la sua bacchetta magica per Firenze e la Fiorentina. Oggi l’unica certezza è Dusan Vlahovic, che cresce di partita in partita. Ieri ha fatto una gara da punta vera, segnando sull’unica mezza palla gol e poi lottando e facendo salire la squadra. Non è il momento dei paragoni, ma quello di fare anche per lui un nuovo progetto di calcio.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.