Cresce l’allarme

Nei numeri la giornata di oggi ci dice che siamo sempre a 8 punti dal Cagliari, ma con una giornata in meno. Ma hanno vinto Torino e Spezia e deve giocare ancora il Benevento, rimanendo tristemente quintultimi. E soprattutto non deve ingannare il risultato in bilico e il recupero parziale di due reti, perché fra noi e Atalanta c’è stata purtroppo una differenza di quasi due categorie. Ed è per questo che secondo me cresce l’allarme. Siamo ancora inguaiati e nelle prossime due trasferte servono punti pesanti, perché nelle ultime giornate la media punti delle squadre dietro non sarà quella attuale. Sulla partita, Gasperini ci ha preso anche in giro, dicendo che Zapata era rammaricato perché doveva segnare 5 gol e portarsi due palloni a casa. Purtroppo la verità è più vicina alle parole di Gasperini, piuttosto che a quelle di Iachini, che pensava addirittura di vincerla. Nel primo tempo non ci abbiamo capito niente. Iachini ha provata a giocarsela come fece Pioli qualche anno fa, seguendo ovunque a uomo Zapata, Muriel e Malinovskyi (Pioli lo fece con Ilicic e Gomez) e creando confusione, voragini e numerose occasioni per l’Atalanta. Abbiamo giocato di fatto con un centrocampo sempre sguarnito, con il commovente tentativo di fare lanci su Kouamé e Vlahovic, con ZERO tiri in porta. Nel secondo tempo la squadra c’ha messo un po’ di grinta. E con un regalo dell’arbitro (sulla rimessa laterale) e un regalo della difesa bergamasca (anche se qui Kouamé ha fatto una bella progressione e giocata) l’avevamo anche pareggiata. Ma siamo veramente troppo fragili per pensare di prendersi un punto in queste partite. E in effetti l’Atalanta ha sprecato almeno 3/4 palle gol nitite. Solo per la loro imprecisione e per la bravura di Dragowski la partita è rimasta in bilico. E passando allora ai singoli, a parte la giocata del gol, Kouamé per me è stato veramente inguardabile. E di nuovo in difficoltà mi è sembrato Pezzella, troppo piccolo per contrastare Zapata, troppo lento per affrontare Muriel. Ma anche la prestazione di Amrabat per me è negativa. Ha perso due/tre palloni velenosi. E sembra non mettere la determinazione di inizio campionato. Certo, anche Quarta e Milenkovic non hanno passato una bella serata, anche se quantomeno hanno provato a lottare su ogni pallone. A Castrovilli e Bonaventura difficile chiedere di più in un centrocampo così slegato. I due esterni poi danno quello che possono dare… ovvero abbastanza poco. Rimane come al solito Vlahovic. Possiamo dire bravi alla società che ha creduto in lui e a Prandelli che sicuramente ci ha lavorato in modo specifico. Certo, se oggi proviamo a pensare a cosa sarebbe successo se il ragazzo non fosse veramente esploso, vengono i brividi. E anche per questo cresce l’allarme.

6 Commenti

  1. Verita’ sacrosante ! Comunque appena possibile rimettiamo dentro Eysseric , Pulgar , Ribery e mai più Ambaraba’ e Colleco’ !

    • Non lo so quanto abbiamo contribuito noi (ovvero i nostri mister), ma Callejon sembra davvero un calciatore pensionato… magari il prossimo anno lo vedremo fare scintille da qualche altra parte.
      Su Amrabat sono un po’ come Simone. Sicuramente brutto voto, ma arrivare a bocciarlo ancora non me la sento. In teoria lui dovrebbe essere veramente nella fase ascendente della carriera. Qui penso che sicuramente la Fiorentina è parte del problema. Certo, Amrabat di ieri sera meglio perderlo che trovarlo. Mi piacerebbe però vederlo in un centrocampo più folto, magari un 3-4-2-1, dove nel mezzo c’è un minimo di testa di Pulgar e la sua forza, gli esterni uno più offensivo e uno meno (tipo Castro e Malcuit), Ribery e Bonaventura dietro a Vlahovic. Con Prandelli questo è lo schema che ha funzionato meglio, dando buona copertura, buona densità a centrocampo e comunque, buon supporto alla fase offensiva.
      Ma Beppe ci arriverà??!

      • Ma dove vuoi che arrivi Beppe? Speriamo arrivi a quota salvezza matematica il prima possibile! Con Prandelli si cominciava ad intravedere un certo gioco di squadra, con Beppe bisogna solo fare legna.

        Mi chiedo come Commisso possa confermare Pradé che, in questi due anni, ci ha portato/riportato: Badelj (pensionato), Boateng (pensionato), Calleon (pensionato), Borja Valero (stra-pensionato), Duncan (bocciato), Lirola (bocciato), Bonaventura (quasi-pensionato), Ribery (quasi-pensionato a 3 milioni a stagione).

        Possibile non si riesca a fare di meglio?

  2. Ho visto tutto il primo tempo e non posso che sottoscrivere quando dici 🙁

    Qui mi sa che la cosa più pericolosa è l’allenatore che ha fine partita dichiara che la potevamo vincere: c’è o ci fa? Perché l’Atalanta ha giocato nettamente meglio di noi ed ha dimostrato che noi abbiamo una squadra molto, molto peggiore.

    E’ clamoroso prendere gol su calcio d’angolo con Zapata che salta indisturbato. E’ clamoroso Malinowski sulla nostra trequarti che serve indisturbato l’assist a Zapata per il raddoppio. E’ clamoroso Milenkovic che marca Muriel e Quarta che marca Zapata. E’ clamoroso far uscire Amrabat e Castrovilli per Eysseric e Valero.

    Pezzella non lo sopporto più, sono due anni che gioca male ma continua a giocare.

    Amrabat e Kouamé, hanno giocato male, ma ancora non mi sento di giudicarli inadatti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.