Siamo da B

Non so come andrà a finire questo campionato, che per i tifosi viola sta diventando sempre più triste. Fra l’altro il Cagliari si è portato a 5 punti da noi. Con una prova di carattere, nei minuti di recupero ha ribaltato e condannato il Parma, rimettendosi in piena corsa. Vediamo domani i risultati delle altre. La verità però è che stiamo pensando troppo alle (poche?) possibilità delle altre. La verità più triste è che noi siamo da B. Anche contro il Sassuolo, oltre a lacune tecniche e difensive, abbiamo dimsotrato un enorme fragilità. E abbiamo dimostrato di non avere panchina, di non poter cambiare le sorti di una gara. Dopo un buon primo tempo, quando sembrava comunque di avere in mano le chiavi della partita, nel giro di 4 minuti siamo spariti dal campo, senza avere più la forza di creare qualche occasione per riaprirla. Fra l’altro Iachini ha tolto Castrovilli, l’unico che dimostrava di avere un passo che potesse dare fastidio al centrocampo del Sassuolo. E se non è stato messo Amrabat. vuol dire che il problema con il marocchino esiste davvero. Finché la squadra è riuscita a giocare compatta negli ultimi 30 metri, abbiamo subito poco e siamo ripartiti bene. Come ci siamo un po’ disuniti, la difesa è stata infilata in modo imbarazzante. E sempre più imbarazzanti sono le prestazioni del nostro capitano, colpevole nei primi due gol. E’ evidente che anche nel modo di interpretare la gara abbiamo di nuovo fatto un passo indietro con Iachini. Per essere onesti, nel primo tempo la Fiorentina avrebbe potuto segnare di più. Come anche all’inizio della ripresa. E qui emerge un altro problema: non si gioca con il coltello fra i denti. E’ vero che i gol si possono sbagliare, ma sia Castrovilli, sia Ribery nelle due grandi palli gol, hanno calciato in porta con la determinazione che si ha nella partitella del martedì. E anche nell’ultimo passaggio siamo spesso leziosi e poco concreti. Solo in Vlahovic si trova la determinazione, la rabbia agonistica, ma spesso anche la lucidità, armi determinanti di ogni squadra alla ricerca oggi di punti salvezza. Troppo poco per pensare di trovare con tranquillità quei 7/8 punti per rimanere in serie A. La squadra è in ritiro. C’è anche Commisso. E tutta la squadra è in silenzio stampa. Giusta scelta. Perché ci siamo parlati troppo addosso. Perché Pradé e Iachini continuano a parlare di una squadra che meriterebbe, ma che poi alla fine non esiste. Vorrei che Commisso facesse capire ai suoi, invece, che siamo da B. E come tale dobbiamo andare a strappare i punti dai tabellini di marcia dei nostri avversari. Perché è finito il tempo di sperare che lui è peggio di me. Dobbiamo ragionare da ultimi della classe, quelli che devono entrare in campo sapendo che solo corrento e lottando più degli avversari, c’è qualche probabilità di portare via punti.

2 Commenti

  1. Stanotte non dormirò…. mentre i nostri ” eroi ” magari invece sì ! Poverini … hanno dato l’anima in campo! L’ultima mezz’ora con la lingua di fuori , fermi come al calcio balilla , e ….i panchinari peggio mi sento . VERGOGNA !

  2. Ho visto un po’ di primo tempo ed ho visto una sola squadra in campo: il Sassuolo. La Fiorentina ha iniziato a difendersi fin dal primo minuto sulla propria area di rigore giocando solo sul contropiede. Secondo me una squadra che fa un catenaccio così assurdo è giusto che perda le partite.

    Pezzella, ormai da due anni, fa la sua bella cazzata ogni 4/5 partite, quindi inutile dire sempre le stesse cose. Ma Iachini non avrà mai le palle per toglierlo dal campo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.