Chesseffatto dimale?

E’ davvero difficile commentare lo stato d’animo di noi tifosi viola per la situazione che stiamo vivendo. E, con il massimo rispetto per il lavoro dei giornalisti, personalmente penso che sia meglio in questi giorni evitarci i commenti di Iachini, Pradé e Commisso, i post dei calciatori e storie varie dai canali ufficiali. Con l’amarezza per quello che stiamo vivendo e il timore di quello che può essere, ho voluto prendere spunto dal nick di un nostro recente commentatore, che spero mi perdonerà… Chesseffatto dimale?! Si, perché riassume veramente bene il tutto. Cosa abbiamo fatto di male per…

  • arrivare alla partita non con la voglia di vedere la nostra squadra, ma con l’angoscia che qualcosa alla fine vada storto;
  • trovarsi a vivere con lo stesso pathos partite come Lazio – Benevento, Milan – Genoa, Bologna – Spezia…
  • provare alla fine sollievo che alla fine nonostante lo meritassero e ci fossero andate vicine, Benevento e Genoa non sono riuscite a pareggiare… quando appena qualche anno fa la cosa ci avrebbe fatto incavolare.
  • invidiare il coraggio con cui Cagliari, Benevento, Genoa, Torino scendono in campo e lottano fino al 98°.

Più che parlare o scrivere quelli della Fiorentina dovrebbero forse capire, al di la di quelli che sanno solo offendere sul web, che c’è una tifoseria che si sta chiedendo chesseffato dimale.

Certo, al peggio non c’è mai fine, e ora arriva anche la superlega. E forse oggi milioni di tifosi in Italia si stanno chiedendo chesseffato dimale per essere arrivati a questo calcio… o meglio a questo modo di pensare e fare calcio. Ma di questo mi sa ne dovremo parlare a lungo.

1 Commento

  1. Ciao ragazzi, io aggiungerei questa:
    “Chesseffatto dimale” per esser costretti a tifare per il Milan, l’Inter, ma soprattutto la Juve, sperando che fermino le nostre avversarie dirette per la salvezza?

    Per chi tifa Fiorentina, questo è veramente troppo.

    Forza Viola.
    Gattaccio Viola

    PS: ma perchè sento parlare di Gattuso? Ma perchè?? Non c’entra niente con Firenze, è un altro matrimonio che nasce già divorziato.
    Vogliamo un calcio “pane e salame” e spendere poco? Allora ci vuole uno come Semplici. Vogliamo spendere? E allora ci vuole Sarri. Tutto lì.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.