Una serata dritta

Dopo tanti pomeriggi e serate storte per la Fiorentina e i suoi tifosi, finalmente una serata dritta! Si, perché la prima mezzora a Verona non prometteva grandi cose. Sulla nostra destra gli scaligeri infatti affondavano come lama nel burro. Un po’ perché da quella parte giocava Bonaventura che non è proprio un incontrista. Un po’ perché i sincronismi fra Venuti e Quarta non sono così rodati come quelli magari di Caceres e Biraghi. Tant’è che Iachini ha spostato Amrabat da quella parte. E da quel momento tutto sommato non abbiamo corso più tanti pericoli. Certo, abbiamo creato anche poco, ma quanto è bastato per procurarci il rigore alla fine del primo tempo e raddoppiare a metà della ripresa. E nonostante si sia concesso quasi subito il gol dell’1-2, con l’ennesima lettura sbagliata di Pezzella da una parte e Biraghi dall’altra, la Fiorentina ha gestito abbastanza bene la gara nei 20 minuti finali. Insomma, è andato tutto per il verso giusto: non abbiamo pagato dazio nella prima mezzora, abbiamo capitalizzato le occasioni avute, non siamo andati nel panico nella parte finale della gara. Un buon segnale, se non altro dal destino, e soprattutto un bel sospiro di sollievo. Vediamo domani sera come sarà la situazione di classifica. Intanto si continua con il silenzio stampa e tutto sommato meglio così.

Entrando nel merito della gara, il centrocampo misto qualità-sostanza ha tutto sommato funzionato. Amrabat è partito timido, ma è cresciuto durante la gara. Bonaventura è prezioso, anche se cala sempre alla distanza. Dietro qualche indecisione di Quarta e il solito Pezzella, ma per fortuna niente di grave. Sugli esterni, importante è stata la giocata di Venuti per l’azione del rigore e il salvataggio sulla linea, ma in generale per lui e BIraghi prestazione sufficiente. Molto bene ancora Vlahovic davanti. A parte il gol su rigore, ha fatto l’ennesima partita di sostanza. Ad inizio campionato volevamo una punta che sapesse far salire la squadra e segnasse almeno 15 reti. Beh, direi che adesso il problema è non farselo scappare. Infine Ribery. Ho stima del giocatore, rispetto per l’uomo. Ma penso sia il momento di prendere delle decisioni. Personalmente darei spazio ad un tre-quartista, evitando a Ribery di sfinirsi nella prima ora di gioco rincorrendo avversari e sfruttarlo nell’ultima mezzora, o per nascondere il pallone, o per farsi rincorrere dagli avversari, specialmente quando questi non sono più lucidi e freschi.

Insieme alla vittoria dei viola, arrivano anche le notizie di smantellamento della superlega dopo due giorni di vita. Insomma, dopo il Chessefatto dimale di stamattina, un pò di buone notizie in questa serata dritta.

6 Commenti

  1. La notizia dello smantellamento della Super Lega è una buona notizia e sarà fonte di divertimento per tutta l’estate. Mi dispiace solo di non aver avuto tempo per sentire nessun juventino a riguardo.

    Per la Fiorentina sono punti d’oro ma la partita non l’ho vista, ho visto solo gli highlight ed ho contato 6 azioni per loro e 3 per noi: il bel tiro di Ribery, il rigore e il gol del raddoppio.

    E alla prossima abbiamo la Giuventus… peccato non poter avere i tifosi sugli spalti… quante prese per il culo ci siamo persi!

    Sul risultato non ci spero proprio, ora che è svanita la SuperLeague è chiaro che devono andare in ChampionsLeague, altrimenti gli salta il banco.

    • Questa è bella, mettetela su Twitter:
      “Wikipedia.
      La Superlega 2021 è stata un torneo calcistico straordinario durato 48 ore. Vi hanno preso parte le 15 migliori squadre europee, poi 12, poi 11, poi 6, poi 4, poi è rimasta solo la Juve, che però ha perso in finale.”

  2. Sì, condivido con quelli che pensano che martedi abbiamo avuto un bel colpo di … fortuna.
    E se davvero Galli (Giovanni) ha detto che se “il gioco di Juric è quello visto è meglio che rimanga dov’è”, allora sono in pena per lui e per chi lo rimpiange come DS.

    Comunque noto che Simone s’è un po’ “rammolito” rispetto ai vecchi tempi: definire “bel tiro” quello di Ribery, mi sembra decisamente frutto di una inaspettata bonomia.
    In quel tiro, dopo quella bella iniziativa (l’azione preparatoria non è da tutti, quella sì), sta tutta la fine carriera di chi, pochi anni fa, era abituato a essere decisivo: un tiro molle, senza ambizione se non quella, speranzosa, di buggerare con la traettoria magari un portiere 50enne nella partita di calcetto tra amici, ma inguardabile in serie A.
    E’ stato un grande, Ribery, ma la sua carriera è finita, e lui lo sa.
    Forse lo sanno altri in Fiorentina ma grazie al mercato di Pradè non abbiamo un alternativa in rosa e deve giocare. O forse c’è e qui mi amareggio ancor di più.
    Il nostro calcio mediatico, che con 1000 parole ipocrite e sensazionalistiche, condiziona il pensiero degli spettatori più indifesi e imprepreparati, esalta qualsiasi “puzzetta” fatta da un vecchio campione (il rispetto non deve essere per forza esaltazione), mentre se quell’azione l’avesse fatta un giovane 20enne, alla sua 15ma partita (le prime non valgono, c’è l’effetto “nuovo Pelè”), i commenti mediatici sarebbero stati severi come il mio, dimenticando (?) che proprio i giovani talentuosi devono avere il diritto di giocare e sbagliare per crescere, certo ben più di un Ribery.

    Oggi in Fiorentina l’unica alternativa a Ribery (grazie a Pradè) sarebbe Montiel, che tra l’altro avrebbe una grande sintonia con Vlahovic, ma marcisce in panchina, per i motivi che ho detto prima e anche perchè nella situazione di classifica in cui ci siamo messi, e dopo avere perso 6 mesi per “svezzare con dolore” il talento di Dusan-gol (sempre grazie al mercato poco intelligente di Pradè), il coraggio per lanciare un altro giovane talentuoso ma acerbo Iachini non ce l’ha (e non se lo può nemmeno dare, dice Manzoni).

    Come sempre ho scritto tanto, troppo.

    Forza Viola
    Gattaccio

  3. Ciao Gattaccio. COncordo sul tiro di RIbery. Mi sono dimenticato di sottolinearlo, l’avevo fatto nella partita precedente perché era successo anche contro il Sassuolo. Il timore è che arrivi sempre stremato alla conclusione. Non sono così drastico comunque sul giudizio come lo sei te. Come ho scritto, nell’ultima mezzora potrebbe essere sempre un valore, specie se gli altri sono meno lucidi. Non penso la soluzione (almeno oggi) possa essere Montiel. Ma Bonaventura si… tanto RIbery non è una punta e Bonaventura alla fine può segnare più del francese. A centrocampo Pulgar, Amrabat e Castrovilli.

  4. Non lo so, forse non l’ho visto bene, tanti altri dei nostri non avrebbero trovato nemmeno la porta. Su Ribery sarei d’accordo con Davide, l’ultima mezz’ora a tutta, e spero veramente che non gli venga confermato il contratto. Lo aspetta Silvio a Monza… che si levi di torno!

    La Fiorentina ha ancora tanto da soffrire, e noi con lei, perché il calendario è complicatissimo. Di partite contro squadre che non hanno più niente da chiedere abbiamo solo l’ultima a Crotone.
    Inoltre, sono anche dell’idea, che il Cagliari non andrà in B. Quindi la strada per noi è ancora lunghissima.

    E poi un nuovo allenatore, che sappia essere il primo del gruppo, e una banda di ragazzotti giovani e vogliosi per correre e picchiare.

    • Anch’io sono sempre più convinto che il Cagliari non andrà in B, almeno che non ci sia un calo drastico da un punto di vista fisico/mentale, perché in questo momento su entrambi i fronti stanno viaggiando a 1000. Poteva essere la sconfitta con il Parma, che invece, ribaltando il risultato, è diventato il vero doping per loro.
      C’è da soffrire ed è bene pensare a salvarsi. Certo, Semplici sta dimostrando ancora una volta di essere un buon allenatore.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.