Buon punto, ma…

Dobbiamo essere sicuramente soddisfatti della prestazione della Fiorentina contro la Juventus. E alla fine soddisfatti anche del risultato. Quindi, un buon punto, ma… ci sono dei ma. Il primo riguarda ovviamente la vittoria del Cagliari contro la Roma, che porta a tre punti la nostra distanza dal terzultimo posto. La situazione purtroppo è ancora molto ingarbugliata. Come accade spesso, nelle ultime 5/6 giornate vengono meno certe gerarchie per le diverse motivazioni e alcune squadre di bassa classifica aumentano molto la media punti. Occorrono ancora tanto sangue freddo e soprattutto prestazioni all’altezza. Un altro “ma” riguarda la gara. La Fiorentina nel primo tempo era meritatamente in vantaggio. E forse con quella brutta Juve, si poteva anche arrivare al raddoppio. Ma il vero rammarico è che la Juventus ha praticamente pareggiato nell’intervallo. Morata già nel riscaldamento era in pieno clima partita, cosa non vera probabilmente per Quarta. E poi Pezzella, forse anche sfortunato, è pigro nel cercare l’allineamento preciso con i compagni, concedendo a Morata il piede che lo tiene in gioco. E un po’ del suo c’ha messo anche Dragowski, un po’ amatoriale nel leggere l’azione di Morata. Un vero peccato questa rete lampo. E’ vero che nella ripresa la Juve ha giocato molto meglio del primo tempo. Però alla fine ha creato molto poco, due/tre situazioni pericolose, con Dragowski non impegnato. Anche per questo il rammarico per il gol lampo. La Juve poteva perdere sicurezza e lucidità e noi magari predere più convinzione.

La Fiorentina comunque ha fatto una prova di sostanza e, a tratti, anche buon gioco. Direi che, tolto mezzo voto per il gol a Drago, Quarta e Pezzella, tutti sono stati sopra la sufficienza. Ha tenuto bene la difesa (a 5…), così come il centrocampo, con un Amrabat ritrovato. A me è piaciuto anche Castrovilli… e mi dispiacerebbe davvero che alla prossima sia di nuovo lui a sedere in panchina, anche perché abbiamo bisogno della sua classe e dei suoi strappi. Ribery bene nel primo tempo, ma poi è sparito. Una parola a parte la merita sempre Vlahovic. Impressiona per come stia crescendo soprattutto nella gestione dei duelli, del possesso palla, nel prendersi la squadra sulle spalle. E poi tira fuori il cucchiaio. Personalmente non amo questo colpo. O meglio nella stragrande maggioranza dei casi, lo vedo un rischio inutile. Una delle poche eccezioni per me fu il rigore di Pirlo contro l’Inghilterra agli Europei: un modo per dare una scarica di adrenalina ad una roulette che si stava mettendo molto male. Se il testo di Vlahovic è stata solo una pazzia da ventenne, dico solo che gli è andata bene. Ma se ha pensato che potesse dare una carica maggiore, proprio contro la squadra di Pirlo, allora siamo davvero davanti ad un campione.

Vorrei concludere con le frasi di Montella sentite in settimana. Ha detto che il problema maggiore della sua seconda esperienza a Firenze è stato quello di giocare senza obiettivi. E’ vero che per chi ha fallito possono sembrare scuse. Stavo riflettendo però che in queste ultime 2 giornate abbiamo visto una Fiorentina convincente come poche altre volte. E l’abbiamo vista con quel Iachini che tutti abbiamo voluto cacciare qualche mese fa. Ci piaceva l’idea Prandelli perché ci immaginavamo un campionato diverso, appunto con altri obiettivi. Ma di fatto la squadra ha giocato senza obiettivi, trovandosi alla fine dentro la lotta retrocessione. Prandelli quest’anno, come forse Montella prima, si sono trovati come alleanatori non adatti per gli obiettivi e/o le potenzialità di quella squadra. Adesso l’obiettivo è chiaro e probabilmente dei tre, Iachini è l’allenatore più giusto per lottare.

1 Commento

  1. Ho preferito non guardare la partita, la Giuventus mi mette sempre di cattivo umore, e mi sono visto solo gli highlight: nel primo tempo tante occasioni per noi, nel secondo tante per loro. Dalle notizie che ho avuto e da quello che leggo dell’articolo il pareggio è stato il risultato più giusto.

    Siamo in posizione migliore, ma la classifica è più corta. Domenica, secondo me, è obbligatorio vincere perché le prossime due saranno contro Lazio e Napoli, le due squadre più in forma del momento, e sarà difficilissimo portare a casa punti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.