Troppi sprechi

Con la sconfitta del Benevento, la vittoria di oggi al Dall’ara sarebbe stato quasi un match point. E buttare al vento per tre volte il vantaggio, l’ultimo ottenuto ad un quarto d’ora dalla fine, è davvero uno spreco incredibile. Lo è ancora di più se si pensa ai gol presi in fotocopia. Ovviamente se la Fiorentina è tutt’ora invischiata nella lotta per non retrocedere ha dei problemi strutturali. Uno di questi è quello di subire i tagli centrali di attaccanti e centrocampisti avversari. Oggi il Bologna non aveva armi alternative. Non ha centravanti di area di rigore, non ha una torre, non ha neppure gran tiratori. Ma con questi tagli poteva farne 5 di reti. Con il Sassuolo fu la stessa storia. Partita in controllo, in vantaggio. Poi taglio e rigore. E partita compromessa. Domenica scorsa, fuorigioco mancato su Morata. E andando ancora indietro, il gol di Ibra e ovviamente altri ancora. Alla fine sono punti pesanti buttati al vento. Troppi gol in fotocopia. Troppi sprechi per la condizione in cui siamo. E la domanda è: che senso ha giocare a 3, ovvero quasi sempre a 5, se dobbiamo essere sempre infilati così? Iachini dice che ci stanno lavorando. Ma se Pezzella (anche oggi nettamente insufficiente) è intoccabile, perché non farlo giocare staccato, un po’ come faceva Montella con Gonzalo Rodriguez, invece di cercare in modo ossessivo il fuorigioco negli ultimi 20 metri, dove i nostri difensori sono spesso bruciati sul tempo (oltre ad avere spesso una linea tutt’altro che allineata)?

Ma gli sprechi sono anche altri. Purtroppo con Ribery in queste condizioni sprechiamo un uomo. E uno spreco secondo me è tenere Castrovilli in panchina, l’unico centrocampista che ha corsa e qualità. E’ vero che Pulgar, Amrabat e Bonaventura oggi hanno un senso, perché Pulgar è l’uomo d’ordine, Amrabat di densità, Bonaventura di qualità e uno dei pochi che sa occupare anche l’area di rigore, come dimostrato con il bel gol di oggi. Un senso però dovremmo trovarlo anche per il nostro 10. Eventualmente facendo partire dalla panchina Ribery. Oppure sacrificando Biraghi, che anche oggi ha fatto poco sia dietro, sia davanti.

Chiudiamo, come accade (per fortuna) sempre più spesso parlando di Vlahovic. In un anno disastrato, dove nel primo quarto della stagione pensavamo di avere un problema centravanti, ci troviamo un centrovanti che domenica domenica sta giocando sempre meglio e sta, soprattutto, raggiungendo numeri incredibili. Una vera manna dal cielo la sua esplosione. Un vero peccato non potercelo godere con maggiore soddisfazione di risultati. Oggi però dobbiamo chiedergli di tenere duro e continuare a portare la Fiorentina sulle sue grosse spalle il più lontano possibile dall’incubo retrocessione. Con il desiderio che qualcuno possa dargli una mano. Con la speranza che tutto questo possa servire. Con la sicurezza ormai che comunque il suo sarà un gran futuro.

4 Commenti

  1. Nemmeno ieri ho visto la partita, soffro troppo a guardare la Fiorentina di Iachini, sempre schierata a difendersi (male!) appena fuori l’area di rigore.

    Rivedendo gli highlight, passi il secondo, che può essere condiderato anche un bel gol, il primo e il terzo sono errori clamorosi della nostra impostazione difensiva. Se agli avversari è consentito giocare liberi a testa alta sulla trequarti è troppo facile innescare l’attaccante per i tagli. La strategia difensiva di Iachini è clamorosamente sbagliata, magari andiamo a fare pressing nell’altra metà campo, ma lasciamo giocare liberi gi avversari sulla nostra trequarti.
    Con i cinque difensori schierati in linea, e Ribery e Vlahovic che pensano solo ad attaccare, il nostro centrocampo a tre deve sobbarcarsi tutto l’onere delle chiusure sulla nostra trequarti. Infatti, regolarmente, prendiamo gol perché il nostro centrocampo non effettua l’adeguato filtro. Roba da amatori.

    Oltre questo, il nostro miglior centrocampista, quello che garantisce più corsa, più qualità, più possesso palla di tutta la squadra, si tiene in panchina.

    Speriamo di salvarci.

    • Si, ovviamente le difese si infilano più facilmente quando il centrocampo non fa filtro e i centrocapisti avversari diventano tutti Baggio… o Rui Costa 🙂 Sicuramente il ragazzino del 2000 Vignato i piedi ce l’ha buoni. Però sembra che Iachini non si fidi dell’uomo contro uomo sulla nostra tre quarti. Tende a far schiacciare sempre Pulgar praticamente sulla linea di difesa e spesso c’è Amrabat solo a fare vero filtro. Io penso che questo difetto della Fiorentina in questo momento si potrebbe correggere solo con un 4-4-2 fatto bene, che magari se serve diventi anche 4-5-1. Ma se con PRandelli c’era qualche speranza di vederlo, con Iachini penso sia quasi impossibile. E allora avanti così, cercando di grattare gli ultimi punticini utili per una delle stagioni più brutte degli ultimi 30 anni.

  2. Con questa rosa suggerirei di schierare un 4-2-3-1 : Quarta, Milenkovic, Pezzella, Caceres (Igor) : Pulgar, Amrabat : Castrovilli, Bonaventura, Ribery : Vlahovic. È la meno peggio…

  3. Bentrovato Violaforever. Una formazione che ci sta tutta, che appoggerei in pieno, che alla fine (in modo fluido come si dice oggi), potrebbe essere il 3-4-2-1 che ha provato a far Prandelli e che secondo me ha dato i risultati migliori. Soprattutto sono i migliori in campo, sempre sperando che Ribery faccia un po’ il Ribery e non prestazioni come quella di ieri.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.