Di Beppe

Il gioco di Iachini non ci ha mai entusiasmato. Diciamo che il suo nome sulla panchina viola non ha mai acceso gli entusiasmi. Però una volta che ci siamo trovati un obiettivo (la salvezza) nell’ennesima stagione di transizione, Beppe Iachini è un allenatore giusto. E quella di stasera contro la Lazio è la vittoria di Beppe. L’ha vinta probabilmente nei giorni scorsi, martellando la testa dei giocatori. Un segnale su tutti: la voglia di Castrovilli di non uscire dal campo, nonostante avesse preso anche una bella botta. L’ha vinta con il gioco che certo ci è sempre piacuto poco, ma che stasera ha quasi disennescato la Lazio. Grande densità nella nostra tre-quarti, ma anche verticalizzazioni e idee chiare una volta ripresa la palla. E alla fine, anche nel primo tempo, le occasioni fra Fiorentina e Lazio si sono equilibrate. Purtroppo abbiamo subito anche stasera qualche taglio pericoloso. In un paio di occasioni Immobile era in fuorigioco, però il rischio è sempre alto. Anche se c’è da dire che il centrocampo, nonostante Beppe abbia scelto Castrovilli al posto di Amrabat, ha fatto più filtro e ha consentito meno giocate in libertà dalla tre-quarti. Nella ripresa la Lazio piano piano si è spenta, anche perché la Fiorentina è rimasta sempre sul pezzo, ha saputo togliere ritmo, spezzare il gioco. Insomma, abbiamo giocato da squadra che si deve salvare… finalmente. E così Beppe, dopo Sassuolo, ha ha trovato due vittorie e due pareggi e fatto un passo decisivo, anche se ancora non definitivo, verso la salvezza.

Dopo tante gare, siamo riusciti anche a non subire gol. Ci vuole anche la fortuna, ma stasera tutti sono stati sufficientemente attenti, sia i centrali, sia gli esterni. E Biraghi ha ritrovato anche un po’ di lucidità davanti, con un bell’assist. E per il centrocampo, alla fine penso che quello proposto stasera da Beppe sia la soluzione migliore. Pulgar piano piano sta trovando una sua dimensione. Non è un regista, però è un buon mediano, conosce tempi e giocate di quella posizione e comunque ha dei buoni piendi. E se Bonaventua è mezzala di qualità, Castrovilli abbina bene corsa e gioco. Non so cosa succederà con Amrabat, però ti fa perdere sempre tempi di gioco importanti e se vuoi far correre il pallone questo è un problema. Stasera una prova alla Beppe anche di RIbery, che ha creato qualcosa, ma ha soprattutto fatto tanto gioco sporco, rallentando sempre l’impostazione della Lazio e, specie nella ripresa, accettando di prendere tante botte dai difensori biancocelesti. E infine c’è lui, Dusan Vlahovic. Doppietta e a 20 anni superata quota 20. L’ultima volta fu quindici anni fa, ai tempi di Toni e fulmini scarpa d’oro. E per trovare uno straniero bisogna addirittura scomodare il Re Leone Batigol. Ma se c’è una cosa che impressiona ancora di più, è la sua presenza in campo. Come ha detto Tiribocchi, stopperebbe anche i sassi. Non c’è molto da aggiungere. Salviamoci e poi vediamo cosa succederà.

Stasera comunque è la vittoria anche di Commisso. Ha capito che la squadra aveva bisogno di lui ed è venuto a Firenze per stare vicino a tutti, giocatori, staff, dirigenti. Un bel segnale. E stasera ha fatto intendere che vuole rilanciare. E allora raggiungiamo questa salvezza e vediamo di aprire davvero l’era Commisso 2.0.

1 Commento

  1. Di Beppe… e anche un po’ di Rocco, no?

    Io a Beppe gli voglio bene, probabilmente anche tutti i giocatori gli vogliono bene, ma la sua impostazione è la vecchia “palla lunga e pedalare”. Inutile dire che ha fatto la miglior media nelle ultime X giornate o che lo scorso anno fece tantissimi punti alla fine della stagione.

    Con la serenità d’animo di chi si sente quasi salvo, perché la matematica ancora non ci sorride ma il Benevento deve vincerle tutte compresa l’Atalanta; mi sento di poter dire che non vedo l’ora di rinunciare a Beppe Iachini per qualche altro allenatore. Potrebbe essere anche peggio, ma per favore cambiamo modo di intendere le partite. Con Beppe sappiamo che possiamo solo lottare per salvarci.

    La partita contro la Lazio è stata molto particolare, loro sono partiti più forte di noi, a loro sono capitate le migliori occasioni, loro hanno avuto sui piedi la palla dello 0-1 che Dragowski ha neutralizzato con un miracolo. Poi, piano, piano, la Fiorentina è venuta fuori ed ha saputo sfruttare il secondo errore della Lazio, il primo lo aveva sciupato Vlahovic con un appoggio errato. Gran lavoro di Castrovilli, sacrilego tenerlo in panchina, ottimo inserimento di Biraghi, puntuale Vlahovic.

    A quel punto la Lazietta si è spenta lentamente rimanendo in partita solo per tirare pedate a destra e a manca, che l’arbitro, per fortuna, ha saputo sanzionare impeccabilmente.

    Bravo Beppe, per fortuna, ci hai quasi salvato, ma ora davvero basta.

    Ora tutto il mio interesse è per il nuovo allenatore, ho un solo nome preferito: Sarri! Tutti gli altri mi lasciano più o meno insoddisfatto. Pregherei che non fosse il Fonseca appena scaricato dalla Roma.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.