Salvezza in partita doppia

Finalmente salvi. Finalmente possiamo mettere una pietra sopra questa stagione che prima ci ha illuso, poi ci ha fatto arrabbiare ed infine anche impauire. Non abbiamo avuto il piacere di avere, a due giornate dalla fine, una salvezza diretta, che necessitava la vittoria a Cagliari. Abbiamo ottenuto invece una salvezza in partita doppia. E infatti, più del punto conquistato a Cagliari è contata la sconfitta del Benevento contro l’Atalanta. Ed ovviamente era nell’aria, visto l’importanza dei tre punti anche per gli uomini di Gasperini e visto soprattutto lo stato di grazia in cui si trovano gli orobici. Nella logica del dare-avere, è chiaro che la Fiorentina ha dato soprattutto sabato sera contro la Lazio. Ma, anche se al momento non ho visto considerazioni di questo tipo, con il punto a Cagliari la Fiorentina ha dato il suo piccolo contributo per la salvezza che si sarebbe raggiunta stasera anche con la vittoria del Benevento, visto i risultati di Spezia e Torino. Queste due squadre sono oggi a 35 punti. Domenica c’è Spezia-Torino. Se lo Spezia non vince può al massimo raggiungere 39 punti, dove noi siamo già e con scontri diretti favorevoli. Se vincesse invece lo Spezia, e ammesso che il Toro vinca il recupero con la Lazio (forse la sua vera ancora di salvezza) all’ultima c’è Torino-Benevento e quindi una delle due resterebbe sotto i viola. Anche alla luce di questi conti, adesso anche abbastanza noiosi, si legge la partita Cagliari-Fiorentina e, tutto sommato, l’importanza di un punto. Alla fine, Iachini ha portato la barca ad un porto sicuro giocando 5 partite vere (senza regali), dove pian piano è cresciuta la sicurezza nelle proprie armi e la voglia di chiudere quanto prima, appunto, il tema salvezza. Non è un caso che per la seconda volta non si subisce reti. Che per la seconda volta, dopo tante critiche, PEzzella e Milenkociv hanno dimostrato il loro vero valore.

Ed entrando maggiormente nei temi di Cagliari-Fiorentina, penso che i concetti siano pochi e chiari. Iachini ha ridato e rafforzato la solidità difensiva, mettendo Amrabat per fare maggiore filtro e giocando in pratica con un 5-3-2. Ci sono state anche alcune ripartenze importanti, ma questa volta si è sbagliato sempre qualcosa nelle giocate decisive. Ci sono, poi, secondo me due note stonate: la prima purtroppo è Kouamé. Difficile oggi spiegarsi l’investimento fatto su questo ragazzo. Il ragazzo è giovane (97), però non controlla una palla, non sa gestire i contropiedi, perde quasi tutti i duelli. Per me è uno dei grandi bocciati.. COme lo è purtroppo Amrabat. Non ricordo bene le sue prestazioni al verona. Forse perché abituato a giocare con spazi grandi e a correre sempre avanti, Amrabat porta sempre troppo la palla, raggiungendo spesso gli uomi smarcati, rallentando il gioco. Evitando di dire qualsiasi cosa sulla prestazione di Callejon, voglio chiudere invece di nuovo parlando di Vlahovic. Non ha segnato. Ha sbagliato anche un paio di appoggi. Però ha fatto anche stasera un gran partita di quantità, sapendo prendersi la squadra sulla spalle, lottando (e spesso vincendo) su ogni pallone, attirando almeno 2/3 avversari, sempre pronto a fare anche un po’ di regista avanzato. In questo anno assurdo, ci troviamo un attaccante completo, dal valore di oltre 50 milioni. E allora adesso non ci resta che attendere le mosse della società, pe capire dove vorrà portarci Mister Rocco COmmisso.

2 Commenti

  1. Dico solo che sono contento… sopratutto che il campionato è finito e siamo salvi.
    Ripartirei con entusiasmo ma… alle 11.00 parla Rocco. Che vorrà fare?

    La riconferma di Pradé credo che sia scontata, vorrei semmai che fosse affiancato da qualche giovane e determinato ds, uno che vive campo e spogliatoio della mattina alla sera, e conosce campi e spogliatoi di tutta Italia. Sottotraccia non mi dispiacerebbe nemmeno una certa collaborazione con i carciofai empolesi.

    E Gattuso è ormai nell’aria… Come esperienza di campo diciamo che può andare, si è abbastanza sporcato le mani nelle serie minori, come persona può andare lo stesso, nonostante un passato da strisciato rossonero a Gattuso persona non si può rimproverare niente, sempre schietto e sincero,come figura carismatica e di riferimento nello spogliatoio diciamo che può andare anche lì, come esperienza internazionale niente da obiettare.
    Come tecnico… mah… Siamo sul palla lunga e pedalare.
    Ah… un’altra cosa, fece fuori Tontolivo… c’è speranza, forse sa scegliere i giocatori?

    • Penso anche io che Pradè sarà riconfermato. Cambiare a metà maggio sarebbe d’altra parte annunciare un nuovo anno di transizione, che ultimamente ci ha sempre transitato verso la zona retrocessione. Concordo in pieno sul fatto di prendere un DS giovane, rampante e affamato e lasciare a Pradé la parte più relazionale.
      Riguardo collaborazione con Empoli, sarebbe una bella cosa, ma sono ormai 15 anni che lo diciamo. Certo, premesso che i carciofi di Empoli e soprattutto di San Miniato sono buonissimi, chiamarli carciofai non è l’approccio migliore 😀
      Gattuso: sarebbe nome importante. E non sono convinto che sia solo palla lunga e pedalare. Alla fine, dopo l’Atalanta, forse il Napoli è la squadra con il gioco migliore, che non è tiki taka, ma neppure solo contropiede, come d’altra parte l’Atalanta.
      Non ci rimane che aspettare le parole di Rocco…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.